lunedì 23 agosto 2021

Sicurezze & sicumere

 

Sono spesso colpito (mi veniva da dire affascinato) dalla sicurezza con cui commentatori variamente (diversamente ?) qualificati esprimono opinioni su vaccini, talebani, contagi, geopolitica mediocentrorientale, euro, fisco, immigrazione, climate change e tanti altri argomenti.

Non dal fatto che abbiano una specifica opinione su UN argomento, ma che l’abbiano su TUTTI, e che affermino perentoriamente che “bisogna credere agli esperti che affermano quello e smentiscono quest’altro”.

Il problema di affidarsi agli esperti è saper distinguere chi lo è veramente da chi magari no. Perché persone con titoli accademici e professionali e CV più o meno lunghi spesso dicono cose in contrasto tra loro.

Io credo che sia necessario restare all’interno del proprio circolo di competenza (cit. Warren Buffett), che per lo più comprende al massimo UNO di questi argomenti.

Nel mio caso è l’economia: riguardo alla quale faccio leva su quarant’anni tra università, esperienza professionale e ricerca autonoma (pur non essendo io né un docente né un ricercatore accademico).

Quanto parlo di alcuni temi economici mi sento di essere assertivo. Su tutto il resto leggo, rifletto, mi informo, ma opinioni ferme, per non dire perentorie, proprio non ne ho.

Certo rimango perplesso e anche un filo divertito da chi trancia giudizi netti ora su questo ora su quello. Coprendo tutti i temi. E dicendo però totali scemenze sui pochi argomenti ove io mi autoriconosco competenza per giudicare. Come in particolare la macroeconomia.

Mi viene difficile, ad esempio, prendere sul serio qualcuno che si beve la propaganda euroausterica e nello stesso tempo SA, SENZA ALCUN DUBBIO, se i vaccini sono indispensabili o no, se i lockdown erano necessari o no, dove ci porterà il climate change da qui a trent’anni, cosa dovrebbero (o avrebbero dovuto) fare in Afghanistan gli USA, la NATO, la UE, l’Italia - eccetera.

Al massimo, arrivo a dar credito (pur senza poter avere certezze) a persone che non parlano a vanvera di temi che non conoscono, ma dicono con pacatezza la loro su argomenti in merito ai quali appaiono seriamente informati.

Se ad esempio il direttore di un centro vaccini – che su altre questioni si informa e pone domande intelligenti, ma non sputa sentenze – con pacatezza dice che i vaccini anche se non eliminano il contagio lo riducono sensibilmente, io non ho la competenze per esserne sicuro, ma tendo, appunto, a fidarmi.

Oltre, non vado. E non suggerisco di andarci.

 

13 commenti:

  1. Luca Armiraglio: Caro Marco, anche la credibilità delle persone su cui ci si fida, come dici tu, andrebbe verificata. O si fa il fatidico atto di fede solo per un camice, una laurea o perché ispira simpatia ? Con stima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, infatti la mano sul fuoco al 100% non la metto quasi mai. Però so di chi NON fidarmi... di chi parla di troppe cose con troppa sicurezza, e poi cade miseramente appena tocca un argomento di cui magari so qualcosa io...

      Elimina
  2. C'è un mio conoscente che si dichiarava fascista pur avendo la madre straniera Guadalupense e a me questa cosa faceva ridere perché Mussolini i meticci voleva eliminarli poi qualche italiano è simpatizzante della zona per via del turismo sessuale io gliel'ho detto e lui adesso si dichiara solo Guadalupense un paese di poveracci con una economia tra le più povere del continente americano una colonia francese ora sfruttata per le pochissime materie prime che possiedono dai francesi hanno poco da essere orgogliosi...
    La gente è strana, Narcisa senza motivo, screditante degli altri per elevare sé stessa e cambia idea troppo facilmente...

    RispondiElimina
  3. Secondo lei i tedeschi l'avrebbero usata l'arma nucleare sugli odiatissimi comunisti russi?
    Salvo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso proprio di sì. L’hanno usata gli USA con il Giappone, figuriamoci se Hitler sarebbe stato da meno…

      Elimina
  4. L'operazione anglodanese mirata a distruggere l'acqua pesante servì a mettere in difficoltà i nazisti sulla costruzione della bomba atomica? Oppure probabilmente i fattori sono più importanti sono stati altri, le leggi razziali portarono via anche Fermi avendo moglie ebrea che poi fu quello che costruì il 1 reattore nucleare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente, i tedeschi sono partiti troppo tardi.

      Elimina
  5. Negli ultimi anni del 800 e primi 900 il cambio sterlina dollaro era 1 a 10 ???
    Salvo

    RispondiElimina
  6. Conoscendo gli inglesi secondo lei qualche finta promessa a Mussolini finto accordo glielo avevano fatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mai emerso nulla di simile che io sappia. Con gli archivi ormai desecretati ormai se fosse avvenuto sarebbe noto.

      Elimina
  7. buonasera, interessante argomento, che mi fa venire in mente un famigerato proverbio milanese che dice:
    Tucc i can menan la cua, Tucc i cujun disen la sua.

    (Tutti i cani menano la coda, tutti i coglioni dicono la propria)

    scusandomi per il francesismo "cani"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ce ne sono parecchi… di cani e anche di coglioni :)))

      Elimina