lunedì 16 luglio 2018

A che cosa puntano Tria e Savona


Come intende muoversi il governo italiano nei confronti della UE, in vista dell’importantissima legge di bilancio 2019, che sarà presentata tra settembre e ottobre ?

Leggendo le dichiarazioni di (in particolare) Giovanni Tria e Paolo Savona, emerge con chiarezza quanto segue.

Il contratto di governo M5S – Lega prevede un impulso fiscale espansivo (potere d’acquisto immesso nell’economia sotto forma di maggiori spese, maggiori trasferimenti, maggiori investimenti, minori tasse) di un ordine di grandezza pari a circa 100 miliardi.

L’idea è di realizzarlo frazionando gli interventi su un arco di tempo pluriennale – per esempio, tre anni.

E la priorità verrà data alla ripartenza degli investimenti pubblici, che sono tra l’altro una delle forme di impulso fiscale a più alto moltiplicatore (quindi con il maggiore effetto espansivo sul PIL).

Tutto funziona se ci si accorda con la UE in merito allo scorporo degli investimenti pubblici dal calcolo del deficit.

Via via che gli investimenti daranno impulso alla crescita e di conseguenza al gettito fiscale, si creeranno gli spazi necessari per avviare e incrementare altre azioni – reddito di cittadinanza, riduzioni di tasse eccetera.

E se la UE non ci sta ? Bisogna fare altro


14 commenti:

  1. L'unica logica che vedo da parte del governo è: ci facciamo dire di no dalla Ue e poi espandiamo deficit con moneta fiscale.. come dire.. ci abbiamo provato, ora si fa di testa nostra.. purché usino ccf insime a minibot che da soli non bastano(sono una tantum o sbaglio?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbaglia. Eccellente sintesi.

      Elimina
    2. Quindi agendo in questo modo i dettagli dell'espansione in cifre quanto sarebbero? 60 mld in mini bot per imprese e 40 per tutto il resto? In tre anni? Quindi l'immissione del primo anno a quanto ammonterebbe?

      Elimina
    3. Nel progetto Moneta Fiscale abbiamo previsto un impulso fiscale di 100 miliardi ripartito su tre anni, un terzo all'anno. Il mix tra investimenti pubblici fuori dal calcolo del deficit e Moneta Fiscale nelle sue varie forme può assumere diverse conformazioni, ma la cifra totale e anche la ripartizione temporale è, in buona sostanza, quella.

      Elimina
  2. e di questi 50 miliardi di cui parla Savona ?

    https://www.huffingtonpost.it/2018/07/16/paolo-savona-ha-trovato-50-miliardi_a_23482656/?utm_hp_ref=it-homepage

    e su questi può operare il governo anche senza l'autorizzazione UE ? cioè servirsene anche se "loro " dicono di no ? ...voglio dire tecnicamente è possibile ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, lui presume di ottenere l’autorizzazione a utilizzarli per investimenti pubblici senza impatto sul deficit (così come calcolato ai sensi dei trattati). È sempre il concetto di cui si parla nell’articolo.

      Elimina
  3. Il fatto è che con la burocrazia italiana anche per cose semplici come riqualificare la piazza di un paesino ci vogliono letteralmente anni, quindi o si cambia drasticamente la burocrazia o bisognerà essere molto furbi nella scelta degli investimenti.

    Poi senza interventi per migliorare la competitività delle aziende rimane sempre il rischio di eccessivi squilibri dei saldi commericiali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sblocchi il patto di stabilità dei comuni e delle regioni puoi già investire svariati miliardi in tempi rapidi, su cose frazionate e utili: asfaltare le strade, ripulire i greti dei fiumi, riparare gli argini ecc. E per evitare squilibri nei saldi commerciali la soluzione è molto semplice: destinare un quarto circa dell'impulso espansivo ad abbassare il cuneo fiscale a vantaggio delle imprese.

      Elimina
  4. Io non capisco come facciamo noi a prendere lezioni da un popolo come quello tedesco che negl ultimi 100 anni e' fallito economicamente( e non solo ) 4 volte 2 volte dopo le guerre mondiali piu' 2 volte debiti condonati nel 1953 e dopo la riunificazione ben 4 default provocando almeno una guerra mondiale sterminando milioni di persone; mentre oggi non rispettano le regole ( surplus al 7% ) e banche piene di titoli derivati rischiosissimi in quanto scommesse sull andamento futuro di determinate merci, beni, obbligazioni. Come possiamo quindi noi italiani che al mondo abbiamo dato tutto farci imporre politiche stupide che vanno contro i nostri interessi !!! ???
    Luca il KAKAKATSO PATRIOTA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto semplice: come altre volte nel corso della nostra storia, esiste una parte della classe dirigente italiana collusa con interessi esteri.

      Elimina
    2. Quindi i nostri politici vengono sostenuti anche economicamente dall estero !?
      Luca il KAKAKATSO PATRIOTA

      Elimina
    3. Certo (alcuni). Non necessariamente nel senso di essere corrotti nel senso penale del termine. Ma sanno che comportarsi in un certo modo "gradito" a grandi interessi costituiti vuol dire assicurarsi cariche e poltrone remunerative per tutta la vita.

      Elimina
  5. Il mondiale e' finito. Noi potevamo starci e fare bene vista la bassa qualita' di quasi tutte le squadre !! ??
    Luca il KAKAKATSO PATRIOTA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non è sembrato bassa. Poi potevamo esserci e arrivare tipo ai quarti (c'è arrivata la Svezia, perché no ?). Ma con l'allenatore giusto...

      Elimina