venerdì 13 maggio 2016

La sottoccupazione italiana è una crisi di domanda



In termini reali (corretti, cioè, per l’inflazione – fonte ISTAT) il PIL italiano 2015 è stato inferiore dell’8,3% rispetto al 2007 (anno di massimo storico): 1.547 miliardi di euro (a prezzi 2010) contro 1.687.

Nel medesimo periodo, le esportazioni si sono incrementate del 3,5%, passando da 455 a 471 miliardi.

Il calo della domanda interna ha causato una diminuzione delle importazioni, da 462 a 430 miliardi.

La spesa interna per consumi e investimenti, che corrisponde al PIL incrementato (o decrementato) del saldo netto tra importazioni ed esportazioni, è passata da 1.680 a 1.508 miliardi. La contrazione è stata pari al 10,2%.

Questi dati indicano con chiarezza che la crisi economica italiana non è dovuta all’incapacità delle aziende di essere competitive. Il periodo 2007-2015 è stato caratterizzato da condizioni decisamente difficili, in particolare per effetto della crisi Lehman scoppiata nel 2008, e delle gravissime conseguenze dell’Eurocrisi (soprattutto nel periodo 2012-2013).

Ciò nonostante, le esportazioni italiane sono aumentate. La caduta di PIL è stata interamente (più che interamente, in effetti) causata dalla diminuzione della domanda interna.

Se le aziende italiane hanno saputo vendere di più a Shanghai, a Città del Capo, a San Francisco, non ha senso pensare che la diminuzione di fatturato a Treviso, ad Ancona o a Potenza provenga da un calo di competitività. Semplicemente, è diminuito il potere d’acquisto interno: prima per effetto della crisi finanziaria mondiale del 2008-2009, e poi per le politiche di austerità insensatamente adottate, su “raccomandazione” UE, da metà 2011 in poi.

Immettendo potere d'acquisto nel sistema economico italiano, e avendo cura (per evitare un peggioramento dei saldi commerciali esteri) di ottenere comunque un immediato incremento della competitività delle aziende (ad esempio, e principalmente, tramite una riduzione del cuneo fiscale), si stimolerà domanda, produzione e occupazione. I livelli produttivi pre-crisi potranno essere recuperati (e poi superati) nel giro di pochi anni.

Il recupero di domanda, PIL e occupazione causerà anche una ripresa degli investimenti, un miglioramento della redditività delle aziende, e la possibilità di destinare più risorse a ricerca, sviluppo e aggiornamento tecnologico. Verranno quindi meno le condizioni all'origine della stagnazione della produttività italiana, di cui la nostra economia soffre ormai da vent’anni.

E si avvierà a risanamento anche l’eccesso di crediti deterioriati che affligge il sistema bancario.

3 commenti:

  1. Si,ma è come se trovandoci a navigare nello Ionio con obiettivo di consegnare merci in India ,decidessimo che è più conveniente andare verso Gibilterra e poi passare il Capo di Buona SPERANZA invece che fare rotta verso il canale di Suez! E pensassimo pure che questa scelta potrebbe portarci vantaggi nella rapidità di consegna e nei costi del viaggio!!!

    RispondiElimina
  2. Caro Marco ,certo concordo con i numeri ma non con la visione da comandante che non pensa agli effetti collaterali :disoccupati,sottopagati condizioni di vita peggiorate per la maggioranza degli Italiani.
    Perchè se il comandante dellanave che conosce i problemi della navigazione pretende di cavarsela con gli stessi vettovagliamenti previsti per passare da Suez ,correrà il rischio di un ammutinamento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami, ma mi sfugge il senso della metafora.

      Elimina