sabato 2 gennaio 2021

La storia economica manda in confusione Cassese

 

Il prestigioso costituzionalista Sabino Cassese, di tanto in tanto indicato da fonti di stampa come possibile prossimo presidente della Repubblica, ci fa sapere in una recente intervista che “se nel secolo scorso vi fossero state possibilità di pressione del tipo previsto nel regolamento approvato, non avremmo forse avuto né Mussolini né Hitler”.

Il “regolamento approvato” di cui parla Cassese è quello che consentirebbe (il condizionale è d’obbligo perché le valutazioni in merito alla sua efficacia sono alquanto discordi) di sospendere gli esborsi del Recovery Fund a paesi UE in violazione dello “stato di diritto”.

Cassese è un insigne giurista, ma la storia economica al contrario non sembra proprio essere il suo forte. Diversamente, non gli sfuggirebbe che l’ascesa al potere di Hitler fu dovuta al fatto che i creditori internazionali avevano come obiettivo di far pagare alla Germania le riparazioni di guerra accollatele dal trattato di Versailles.

E appunto perché disponevano di ampie “possibilità di pressione”, i creditori imposero austerità alla Germania, la gettarono in una gravissima crisi economica, e portarono la disoccupazione al 25%. Spianando così la strada a Hitler.

Questo stesso tipo di austerità è stato “prescritto” dalla UE al Sud Europa dal 2011 in poi: senza peraltro che nessuno dei paesi euromeridionali avesse perso una guerra mondiale.

Ah, dice Cassese, ma se invece ai tempi di Hitler ci fosse stato “il regolamento”… ve li immaginate Hitler, Goering, Goebbels e von Ribbentrop commentare costernati la lettera di Bruxelles che “sospende i fondi causa violazione dello stato di diritto" ?

Già me lo vedo l’omino coi baffi: “ragazzi ci hanno beccati. Pensavamo di rimilitarizzare la Renania, poi si programmava l’Anschluss, e poco dopo una bella conferenza per risolvere la questione dei Sudeti… invece cicca, se non la smettiamo di violare lo stato di diritto qui ci danno una nota sul registro e forse anche le bacchettate sulle dita”.

Ma (non ve l’ho detto ma probabilmente lo sapete) Cassese è un fiero europeista. Quindi secondo lui i regolamenti UE tutelano lo stato di diritto, promuovono il benessere economico, stimolano la ricrescita dei capelli, curano le emorroidi e fanno vincere lo scudetto all’Avellino.

E’ una questione di fede, tutto qui.

4 commenti:

  1. Antonio Luigi Pinna: Bisognerebbe ripensare ad un modo di trasmetterla ed insegnarla questa benedetta storia economica... Ci sono troppi ignoranti disfunzionali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi ci sono quelli a cui torna comodo non capire.

      Elimina
  2. Quante convenzioni da cambiare? I giudici non esprimono giudizi di fronte alla consuetudine. D'altro canto è umano che: coloro autorizzati a produrre denaro dal nulla - moneta scritturale- si sentano i proprietari della moneta. Tutto questo a discendere dal vertice di ogni piramide che concorre all'attuale sistema finanziario. La moneta scritturale ci eviterà di continuare con la triangolazione in essere. A partire da ogni imprenditore fino a qualsiasi Stato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il denaro dal nulla lo produce solo lo Stato, se non delega questa funzione a un organismo indipendente (grave errore). Le banche commerciali producono denaro ma solo se hanno accesso al rifinanziamento della banca centrale. Quindi è un potere derivato, che può essere sospeso in qualsiasi momento.

      Elimina