sabato 25 febbraio 2017

Ma sei per il break-up o sei per la Moneta Fiscale ?

Questa domanda, ultimamente, me la pongono in parecchi. Ed è curioso, perché le mie opinioni sull’alternativa – tra rompere l’euro e introdurre un sistema di Monete Fiscali nazionali, in affiancamento all’euro - mi pare di averle sempre espresse molto chiaramente.

Ma chiari evidentemente non si è mai abbastanza, quindi…

Il break-up dell’euro ha un notevole grado di complessità operativa. Inoltre, è difficile raggiungere il consenso politico necessario per metterlo in atto.

Questo non significa che sia impossibile. E’ caduto l’Impero Romano, si è sfasciata l’Unione Sovietica, figuriamoci se non si può sciogliere un’unione monetaria.

I problemi tecnici sono tutti risolvibili. Target2, CAC, Credit Default Swaps (conto di scriverne prossimamente), ridenominazione dei debiti privati (idem): nessuna difficoltà è insormontabile.

Detto questo, attuare il break-up non è banale, il che è esattamente la ragione per cui, nel 2012, ho cominciato a sviluppare e promuovere il progetto CCF, come strada per ridare al sistema monetario europeo la necessaria funzionalità e per risolvere la crisi, senza passare tramite la rottura dell’euro e le relative complicazioni.

Tecnicamente, introdurre i CCF è molto più semplice che rompere l’euro. E politicamente è molto più facile coagulare la volontà di agire – credo. Anche se su quest’ultimo punto le valutazioni sono molto più aleatorie.

Quindi:

Se mi date un tasto da premere per attivare il break-up, sapendo che in alternativa tra sei mesi con certezza si introdurranno i CCF (o qualcos’altro che ottenga effetti analoghi), posso pensare di attendere sei mesi. Sei mesi, non sei anni. E nemmeno due.

Ma questa certezza in pratica non ci sarà mai.

E siccome l’alternativa tra sei mesi non sarà una certezza ma al massimo una probabilità, se il tasto break-up si materializza, lo premo.

Per riassumere: tra Moneta Fiscale e break-up, due strade entrambe finalizzate a togliere l’Italia e l’Europa da questa situazione assurda, la prima che si rivela attuabile va percorsa. Io ritengo più probabile che sarà la Moneta Fiscale. Ma questo lo diranno i fatti.

5 commenti:

  1. Caro Cattaneo, il concetto di moneta fiscale (CCF) nasce da una incomprensione profonda di cosa voglia dire creare moneta fiat (il denaro creato dalle banche) e delle sue implicazioni. La creazione e spesa di moneta fiat (senza valore intrinseco) è già una operazione fiscale: chi ha il privilegio di crearla e spenderla, come recita il sito della Banca d'Italia, si appropria immediatamente del suo controvalore dedotte le spese di produzione. Spese che, anch'esse, possono essere pagate con ulteriore moneta fiat. Ad esempio, emettendo denaro di stato a corso legale, lo Stato potrebbe già finanziare tutte le spese necessarie, come avveniva nei primi stati degli USA con i Greenbacks, come descrisse bene Benjamin Franklin al Parlamento inglese per giustificare la prosperità delle colonie oltremare. Nel dibattito monetario occorre notare, come in una vecchia storiella, che più gente entra, più besti si vedono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le spese dello Stato possono essere pagate con moneta fiat, certamente, se lo Stato si riappropria della potestà di emetterla. Ma allora sei nello scenario di break-up dell'euro. Se vuoi evitarne le complicazioni pratiche, o non hai il consenso politico per percorrerlo, il progetto CCF è l'alternativa migliore: tra quelle di cui sono a conoscenza e/o che riesco a immaginarmi, quantomeno...

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. o.t. --->> ma neanche perché è un argomento sempre in tema.

    ho letto poco fa questo articolo:

    A ME SEMBRA CHE STATI UNITI ALLEATI CON L'INGHILTERRA...CI STIANO DICENDO CHE BISOGNA SMANTELLARE SIA "L'UNIONE EUROPEA " SIA "L'EURO "...

    questa dichiarazione del probabile futuro amabasciatore per l'UE mi pare chiara chiara::: Trump ci dice l'UE/euro deve chiudere baracca.

    http://vocidallestero.it/2017/02/28/ted-malloch-il-punto-di-vista-americano-sullintegrazione-europea/

    Salvo fatti eccezionali e straordinari (disarcionamento di Trump..o assassinio vero e proprio...ne parlano ovunque di questa eventualità : ha tutti contro ) tempo due anni e l'euro si sfalda..e poi dopo pure la UE.

    che ne pensa ?

    Saluti
    Shardan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbero essere molto meno di due anni. Però serve un "trigger", per esempio la vittoria della Le Pen alle presidenziali francesi (anche se le probabilità al momento sono stimate sotto il 50%). Chiaro che il sistema euro / UE è paurosamente disfunzionale e che manca non solo un accordo su come riformarlo, ma anche solo la volontà (da parte degli eurocrati) di riconoscerne l'insostenibilità.

      Elimina