sabato 7 luglio 2018

A parallel currency for Italy is possible

Articolo pubblicato su Politico Europe - risolvere le disfunzioni dell'Eurozona è possibile, anche mantenendosi nel solco degli attuali trattati e regolamenti.

88 commenti:

  1. Sta avendo successo piu' nel lontano Impero USA che in Italia la proposta Moneta Fiscale !! ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh Stiglitz ormai è nettamente a favore. Ma la vede (e così molti altri) come un ponte verso lo scioglimento dell'euro. Non è necessariamente così, l'assetto euro + Moneta Fiscale può essere una soluzione stabile.

      Elimina
    2. Sciogliere l € paradossalmente non farebbe cosi male a UE si puo fare una nazione europea con tante monete ma un solo esercito e una sola politica anche se e' difficile ma le economie andrebbero meglio e la situazione sarebbe meno instabile !!??

      Elimina
    3. Vero, e prima dell'introduzione dell'euro lo dissero in parecchi: la moneta unica aumenta le divergenze, mette le nazioni una contro l'altra, e rende MOLTO PIU' DIFFICILE l'integrazione politica.

      Elimina
    4. Da economista prima che scoppiasse la crisi che ne pensava dell'euro? Molti economisti dissero che sarebbe stato un disastro incluso Friedman (disse "sarà un inferno, vi torturerà). Ci ha preso in pieno.

      Elimina
    5. Infatti. Avendo letto lui ma anche altri economisti (Godley, Dornbusch, Kaldor…), di vari orientamenti politici e di vari filoni di pensiero (monetaristi, neokeynesiani, postkeynesiani) ero fortemente negativo. Pensavo (ispirato da questi signori) che nella MIGLIORE delle ipotesi l'euro non serviva a nulla. In "compenso" aveva notevolissime probabilità di provocare un disastro...

      Elimina
  2. Salve che ne pensa della situazione Brexit? Al netto di tutto pare che l'establishment inglese non abbia le idee molto chiare.. se escono dall'Ue e continuano a tenere le leggi europee a cosa serve la Brexit? Mi sfugge qualcosa a meno che non ci siano due correnti nell'establishment stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono due correnti, sì, e la confusione deriva pressoché esclusivamente da quello.

      Elimina
  3. 1 anno fa la rivista Roars ha fatto una ricerca sulle classifiche sulle migliori Universita' al mondo la classifica ARWU e' quella piu' prestigiosa: i criteri sono piu' o meno 1 premi Nobel che insegnano nell'Universita' 2 premi Nobel che hanno studiato nell'Universita' 3 pubblicazioni su Nature e Science le migliori riviste internazionali ma manca il criterio piu' importante la spesa il denaro a disposizione per fare Ricerca e in rapporto alla spesa i risultati dicono che le nostre Universita' non sono 150esime o 500esime ma occupano la prime 5 posizioni e 7 tra le prime 10 in ordine Universita' di Milano Universita' di Ferrara Universita' di Pavia Universita' di Milano Bicocca Universita' di Padova a cui aggiungere Universita' di Trieste e Torino !!! Che ne pensa le nostre Universita' fanno cosi schifo oppure come in guerra e' solo questione d'investimenti ad esempio l'Impero USA non ha l'esercito piu' forte al mondo perche' gli americani sono piu' bravi ma perche' investono negl'armamenti 800 miliardi € annui il 50% PIL italiano !!! ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente è in larga misura questione d'investimenti. Non è che la qualità dei corsi o il livello intellettuale medio di docenti e studenti sia un granché diverso.

      Elimina
    2. L Universita' di Harvard possiede denaro per Ricerca e la formazione pari al 50% di tutte le risorse di tutte le Universita' italiane !!! ???

      Elimina
  4. Sapeva che sono stati scoperti denti d essere umano in Germania molto piu' vecchi di quelli Etiopi in Africa che si pensava fossero piu' antichi di tutti, questa scoperta puo riscrivere la storia umana perche' non e' detto che l essere umano come si pensava prima della scoperta abbiano tutti origini africane !!! ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh va anche detto che la definizione del momento in cui un primate antropoide ha generato un essere umano è un opinione, dato che l'evoluzione è un processo graduale...

      Elimina
    2. Gli scienziati e gli antropologi non dicono che l evoluzione dell essere umano e' un opinione e dice lo stesso Piero Angela che tra l altro dice anche che la scienza non e' affatto democratica...

      Elimina
    3. Non è un'opinione l'evoluzione, è un'opinione il momento in cui è nato un essere vivente con caratteristiche tali da essere definibile "umano".

      Elimina
    4. Sapranno antropologi e scienziati quali sono le caratteristiche di un essere vivente tale da essere definito umano !!! ???

      Elimina
    5. Sapeva che nel XII secolo il lucchese Ugo de' Borgognoni chirurgo toscano invento' la disinfezione con l'applicazione di vino bollente su ferite aperte dopo l'anestesia con funghi spongiferi questo trattamento italiano anticipo' di centinaia di anni quello di Joseph Lister !!!

      Elimina
    6. "Borgognoni" non poteva usare che del vino :)))

      Elimina
    7. "Sapranno antropologi e scienziati quali sono le caratteristiche di un essere vivente tale da essere definito umano": sì ma con dei margini di approssimazione. Il nonno del "primo essere umano" non era un essere umano ? la linea di demarcazione non è determinabile con precisione assoluta.

      Elimina
    8. Quindi chi dice con sicurezza assoluta (di solito COMUNISTI, PACIFISTI) che siamo tutti uguali e che discendiamo tutti dall'Africa dice solo CAZZATE !!! ???

      Elimina
  5. Sapeva che la Coppa del Mondo e' solo uno dei tantissimi trofei made in Italy tra cui la Coppa Uefa la Supercoppa Europea prodotti a RHO provincia di Milano !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che lo scultore è (era ?) un italiano, Silvio Gazzaniga.

      Elimina
  6. Professore le vorrei porre una questione circa il significato di complotto: è innegabile che le oligarchie neoliberali abbiano avuto ed abbiano un potere di influenza molto penetrante nelle politiche occidentali (Bilderberg Trilaterale CFR Aspen ecc). Se però si cerca di spiegare quest'influenza di potere si viene etichettati come complottisti. E qui mi chiedo: la parola complotto non indica forse una pianificazione segreta al di fuori e al di là della democrazia e della trasparenza pubblica? Quindi in un certo senso il complotto c'è. Forse non è una parola che centra nel pieno le dinamiche del potere (alla fine è tutto documentato, ma poi viene svelato solo a fatti compiuti, ma PRIMA non viene MAI detto o vagliato democraticamente). Se di complotto non si può parlare come potremmo definire più precisamente questa dinamica di potere e di influenza sulla politica? Che ne pensa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ultima analisi è una questione di definizioni. La Treccani definisce "complotto" una "cospirazione, congiura, intrigo ai danni delle autorità costituite o (meno comune, e solo in senso estensivo e figurato) di persone private". Se questa definizione si applichi al nostro caso può essere materie di discussione. Si teme che usare di essere additati come "complottisti" e di diventare per questo meno credibili ? parliamo allora di influenza eccessiva assunta da gruppi di potere e/o da istituzioni economico-finanziarie - eccessiva in quanto lesiva di istanze di democrazie e di equità sociale riconosciute e tutelate dalle Costituzioni degli stati economicamente e socialmente più avanzati. Non c'è del resto molto di segreto in quanto sta avvenendo, certi dettagli ovviamente lo sono, ma la sostanza è sotto gli occhi di tutti. E' una dialettica di potere vista un'infinità di volta nella storia, le élites hanno accentrato troppo potere, ne stanno facendo un uso perverso, e ne sorge una naturale reazione che coinvolge strati di popolazione sempre più ampi.

      Elimina
    2. Perfetto! Il punto è che oggi è anche più difficile tenere segreto qualcosa in una società sempre più connessa dalle rete.. ci provano ancora cmq a censurare (es. direttiva copyright web rimandata a settembre a Bruxelles). Per fortuna il potere non può controllare tutto e tutti. Saremmo già ritornati ai tempi dei faraoni altrimenti. C'è comunque da stare sempre vigili (se censurassero il web sarebbe dura credo)

      Elimina
    3. Credo che la tecnologia lo renderà impossibile (o forse già lo è).

      Elimina
  7. Sui neoborbonici e il loro vantarsi/lamentarsi di: terzo premio a Expo 1856 come paese piu industrializzato al mondo dopo Inghilterra e Francia allora io chiederei dove mettiamo Russia, USA, Impero Portoghese, Impero Austriaco, Impero Ottomano ??? Eppoi perche ce l hanno con gl'inglesi ??? I meridionali in generale e i neoborbonici in particolare sono cattolici fortemente, quindi dovrebbero prendersela col loro presunto DIO io credo !!! ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terzo infatti non credo; il che non toglie che la moneta unica (intesa come lira) e la maniera in cui è stata condotta l'integrazione politica italiana li abbia enormemente danneggiati.

      Elimina
  8. Inghilterra ha reagito meglio alla crisi grazie alla moneta sovrana ma perche escono da UE ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non credono al progetto e vedono come pericolose le derive che si sta cercando di fargli prendere (da parte di chi lo conduce). Anche se è vero che, fuori da Maastricht e da Schengen, erano già schermati dagli effetti più nocivi.

      Elimina
  9. Sapeva che il dottor D'Acquino (a Napoli) e la sua squadra hanno prodotto una serra d alta tecnologia un microcosmo che grazie a luci a led di precisione permette una produttivita' incredibile di frutta e verdura e questo sistema dovrebbe presto andare su Marte e sfruttato dagli astronauti. Le fanno anche in USA e Giappone ma le serre idroponiche nipponiche e USA non producono quanto la serra napoletana con la quale si potrebbe sfamare il mondo !!! ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo ? anche stavolta, no :)

      Elimina
    2. Dentro Napoli Sotterranea, se ho capito a cosa fa riferimento...

      Elimina
    3. No, al centro Enea di Portici e' stata creata la serra speciale che probabilmente andra' su Marte ma che sul nostro pianeta potrebbe produrre cibo persino nei deserti e sfamare le aree piu' povere del mondo.

      Elimina
  10. Che ne pensa della MMT? Potrebbe essere applicata solo agli Usa (avendo praticamente ancora il dominio del dollaro e quindi scarso vincolo di bilancia estera) o anche ad altri Paesi avanzati? O anche gli Usa in realtà hanno vincoli commerciali? In effetti Trump vuole ridurre il deficit (che penalizza produzione interna). Mosler teorizza che import deve esser maggiore di export o sbaglio? Mi pare una teoria ardita, che ne pensa? Keynes diceva che ci deve essere equilibrio.. Non so forse ho capito male quello che dice la mmt se lei ne sa di più mi chiarisca grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dell'impostazione teorica della MMT condivido moltissimo, e in effetti il progetto CCF / Moneta Fiscale ne ha preso molti spunti. Sugli equilibri di saldi commerciali esteri la vedo però un po' diversamente. Sono a favore di scambi commerciali in pareggio o comunque non troppo sbilanciati. E' vero che se l'import supera l'export sono in grado di consumare e investire (nel senso fisico del termine) più di quanto produco, ma è anche vero che rischio di erodere il mio tessuto produttivo.

      Elimina
    2. Quindi diciamo che la mmt complessivamente è perfetta per un'economia chiusa o cmq autarchica. In economia aperta le cose sono più complesse

      Elimina
    3. Diciamo che alla MMT (o quantomeno all'esposizione che ne fatto alcuni suoi autori) va aggiunto il riconoscimento che l'equilibrio degli scambi esteri ha la sua importanza.

      Elimina
  11. Questa deve saperla per forza, chi diceva " gli italiani hanno avuto sotto i Borgia 30 anni di massacri, omicidi, terrore e guerre e hanno prodotto Michelangelo Leonardo Da Vinci e il Rinascimento gli svizzeri hanno avuto amore fraterno e pace per 500 anni e cosa hanno prodotto ? Gli orologi a cucu' !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come diceva Orson Welles, se non sbaglio...

      Elimina
  12. Il primo robot e' stato inventato in Cina o piu probabilmente in Grecia antica ma erano robot ripetitivi il primo robot programmabile che faceva cose diverse fu dell italiano Leonardo Da Vinci lo sapeva ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh come al solito Leonardo avrà avuto l'idea, ma poi non l'ha costruito...

      Elimina
    2. L ha costruito in Francia nel XVI secolo cosi diceva almeno un documentario...

      Elimina
  13. Salve secondo lei cosa dovrebbe fare il governo con Alitalia? Nazionalizzare in toto o tenere la quota maggioritaria e vendere una parte (e a chi soprattutto)? Secondo Ugo Arrigo pare che i conti non siano cosi terribili come raccontano.. sicuramente la mala gestione degli ultimi amministratori ha combinato dei guai (vedi Hogan Etihad ma anche italiani) ma non si capisce perché non abbiano mai mostrato il bilancio degli ultimi anni.. e hanno subito commissariato Alitalia.. la questione puzza un po'.. mia impressione è che governo precedente abbia fatto di tutto per svendere e scavalcare diritti dei lavoratori specie di terra. Posso sbagliare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco i dettagli, d’istinto sarei per nazionalizzare e penso anch’io che non sia una situazione irrecuperabile. Però ne so troppo poco.

      Elimina
    2. Da quello che so il problema principale riguarda i voli di medio breve raggio (difficile competere con le low cost) ma quest'anno i guadagni sono stati molto buoni quindi la compagnia funziona checché se ne dica.. cmq bisognerebbe puntare di più sui voli a lungo raggio ampliando le rotte. Ma ci vuole tempo.

      Elimina
    3. Dimenticavo andrebbero anche rivisti i contratti di leasing degli aerei e soprattutto di fornitura carburante.. grosse perdite si sono avute a causa di scelte sbagliate su questi contratti (chissà se si trattava solo di incapacità o magari di malafede)

      Elimina
  14. Sapeva che su Voci dalla Germania in cui si leggeva tradotto dal tedesco un sacco di pregiudizi economici e non solo su noi italiani da parte dei giornali tedeschi dicevano che non possiamo fare altro debito che stiamo mattendo in pericolo l € eccetra allora io tra tanti commenti ignoranti sulle potenzialita' economiche italiane ho commentato facendo presente che l Italia negl ultimi 20/30 anni e' l unico paese europeo ad avere un avanzo primario una ricchezza privata 5 volte il debito pubblico 10.000 miliardi il doppio almeno della ricchezza privata tedesca siamo terzo paese per riserve auree dopo USA e Germania non male per un paese povero come ci descrivono gli sterminatori d ebrei ho poi fatto il nome di questo bel blog e il suo per far venire a conoscenza gli altri commentatori che fare politiche espansive si puo' e ho spiegato il progetto CCF !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ottimo ! la pubblica opinione tedesca è intrisa di luoghi comuni, ma come aspettarsi qualcosa di diverso nel momento in cui sono condivisi (questi luoghi comuni, superficialmente plausibili ma in realtà totalmente errati) anche da un ampio segmento (si spera non più maggioritario, certamente in declino, ma comunque ancora rilevante) dell'elettorato ITALIANO ?

      Elimina
  15. Sapeva che tra le tante invenzioni italiane ci sono: la colt-rivoltella in Sardegna nel 1830 3 anni prima degli USA, il motore elettrico a corrente alternata di Galileo Ferraris, la prima automobile a benzina nel 1884 la motrice Pia di Enrico Bernardi, la Pila elettrica l elettricita' nel 1799 di Alessandro Volta, la lampadina a incandescenza di Cruto inventata 3 mesi dopo gli USA ma con prestazioni 10 volte superiori,il Canale di Suez progettato da Luigi Negrelli,l algoritmo che ha dato vita a Google e' di un veneto, a proposito di algoritmi il migliore degli ultimi 20 e' del prof Cimatti che e' stato premiato negli USA, poi ci sono l aliscafo la scheda sim ricaricabile il primo PC che fu Olivetti Programma 101, certo che l Italietta ne ha date di cose al mondo !!!???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non ha neanche menzionato il contenzioso Meucci - Bell sull'invenzione del telefono :)

      Elimina
    2. Non sono scienziati ma aggiungerei anche Dean Martin Perry Como Tony Bennett e ovviamente Frank Sinatra. Nel campo musicale (swing crooner ma anche altri generi) i più grandi artisti americani erano tutti di origine italiana. Che generi ascolta professore se posso chiedere?

      Elimina
    3. Soprattutto classica, e poi di tutto un po’. Compreso Hard Rock anni Settanta: Deep Purple, anche se moglie figlia e gatte si lamentano che sono troppo rumorosi :))))

      Elimina
    4. Della classica adoro Beethoven. Ci sono anche gruppi più rumorosi dei Purple (come i Black Sabbath che ascolto io). Ma ascolto anche i cantanti menzionati sopra :) Erano bei tempi e gli italiani hanno dato molto in campo artistico e musicale.

      Elimina
    5. Black Sabbath anche più rumorosi dei Deep Purple, vero. Non a caso Ian Gillian è stato in tutti e due i gruppi.

      Elimina
    6. Si esatto famoso il singolo Zero the Hero di Gillan con i Sabbath :)
      Poi se vogliamo un altro grande è stato Ronnie James Dio - se n'è andato 8 anni fa ahimè (guarda caso sua nonna era del sud Italia) con i Rainbow di Ritchie Blackmore !! Grandi gruppi ed artisti. Quel trentennio fu d'oro sotto tutti i punti di vista (evidentemente l'economia influenza davvero la struttura sociale.. Marx in questo ebbe piena ragione)

      Elimina
  16. Sapra che le banche moderne sono nate in Italia a Venezia precisamente ma non sapra' che il dottor Mancuso ha prodotto una serra totalmente ecologica e autosufficiente di 100 metri quadri che galleggia sul mare che usa solo l energia del vento l acqua del mare e il sole per produrre frutta,verdura e acqua potabile per 8 persone al giorno ci si potrebbe sfamare il mondo, e il tutto senza inquinare !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dove le legge tutte queste cose :) ?

      Elimina
    2. :) Mah a me piace la scienza adesso e' finito perche' siamo in estate pero' io seguo sempre su Rai3 il TGR Leonardo tg della scienza e dell'ambiente eppoi m'informo seguo Internet, leggo giornali...

      Elimina
  17. Ma lo sa che su voci dalla Germania continuano a parlare dei Target 2, o qualcosa del genere dicendo che noi siamo indebitati coi tedeschi, io ho commentato dicendi che i tedeschi dovrebbero prestare piu attenzione ai loro problemi: le banche piene di DERIVATI il rischio di un crollo demografico e soprattutto ho ricordato che lo Stato italiano non ha debiti con quello tedesco perche lei che e' molto piu' competente di me non cerca di convincere con un commento sul blog voci dalla Germania che si sbagliano a tradurre gli stupidi e falsi articoli della stampa tedesca !!! ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Voci della Germania" si limita a tradurre articoli che altrimenti in Italia verrebbero difficilmente letti, per dare una sensazione in merito a quale sia l'atteggiamento dell'opinione pubblica tedesca. Sui saldi Target2, può linkare a beneficio dei loro lettori i post del 12.4.2018 e del 2.3.2018.

      Elimina
    2. Ma perche' sono assenti dalla narrazione: una crescita per abitanti in % uguale a Francia e Germania secondo l Ocse, un export italiano che ha superato quello francese fuori da UE, i debiti netti sull estero inferiori a quelli di Francia e Spagna e ormai quasi a zero, aver arginato la crisi bancaria con una frazione del denaro usato in Germania, Paesi Bassi e GB. Perche' non ne parlano ???

      Elimina
    3. Perché non sono funzionali alla narrazione degli italiani sfaticati che vivono a sbafo dell’industriosita’ tedesca... per inciso, il primo punto dall’introduzione dell’euro in poi purtroppo è falso. Il resto è verissimo.

      Elimina
  18. Sapeva che all Enea di Roma hanno inventato dei vaccini genetici con sequenze vegetali usando una pianta come la Saponaris Officinalis che sono efficaci contro tumori derivanti dalla HPV e su altre malattie infettive !!! Sapeva che i jeans sono genovesi ?

    RispondiElimina
  19. Ipoteticamente con Italia con la Lira e Germania col Marco Italia esporterebbe quasi quanto la Germania con una produttivita' piu' bassa e piu' di 20 milioni di abitanti in meno con una popolazione attiva di quasi la meta' 28 milioni circa che lavorano in Italia contro i 54 milioni circa della Germania niente male direi !!! E in prospettiva noi Italiani faremo sempre meno figli ma in Germania nonostante l'accoglienza di 1 milione di siriani avra' un crollo verticale della popolazione nonostante lo stato sociale tedesco che garantisce 300-400€ a bambino fino ai 18 anni ma i tedeschi non fanno piu' figli e col potenziale tracollo demografico ci sara' anche quello economico !!! ???

    RispondiElimina
  20. E' vero che in Italia c'e' una pensione per ogni famiglia in media e che il 57% delle entrate finisce nello stato sociale, battiamo pure la Svezia secondo il giornale Leggo !?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà in Italia l'incidenza della spesa pubblica sul PIL è alta, ma va abbassata alzando il denominatore, non riducendo il numeratore...

      Elimina
  21. Ha visto, il Brasile e' uscito col Belgio che con una difesa a 3 e un centrocampo con soli 2 centrali si e' difesa bene tutto sommato quindi anche con un modulo abbastanza offensivo come il 3-4-3 si puo' difender bene. Speriamo Mancini prenda appunti !!!

    RispondiElimina
  22. Sulla terz ultima domanda cui non ha risposto ( nessuno la obbliga ma lei e' una persona educata e lo fa quasi sempre ) che ne pensa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema demografico esiste sia in Italia che in Germania. Paradossalmente è forse più facile da risolvere in Italia di pari passo con l’uscita dalla depressione economica, che da noi è un forte disincentivo a creare famiglie. In Germania ha l’aria di essere un problema culturale.

      Elimina
    2. La produttivita' italiana in rapporto al PIL se rapportata alla popolazione attiva 28 milioni contro i 54 tedeschi e' simile a quella tedesca, il PIL tedesco e' circa il 50% superiore a quello Italiano con una popolazione attiva quasi doppia PIL Italiano 1.700 miliardi € PIL tedesco 2.500 miliardi €. Conti fatti bene ??? Tutto sommato la Germania non e' cosi produttiva semplicemente ha al lavoro il doppio delle persone !!!

      Elimina
    3. No, il PIL tedesco è 3.000...

      Elimina
  23. Guadagna bene come imprenditore ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po’ meglio (meno peggio ?) rispetto a qualche anno fa. Ma il mercato non è certo quello precrisi.

      Elimina
  24. Addirittura 3.000 di PIL contro i 1.700 nostri la Germania c'e' da ricordarsi che ha una popolazione attiva di 55 milioni contro i nostri 28 quindi e' normale abbia un PIL quasi doppio eppoi non bisogna dimenticarsi che la Germania con l'€ gode di una moneta sottovalutata e noi con una moneta ( sempre l'€ ) ipervalutata per un economia non piu' arretrata di quella tedesca ma semplicemente diversa ???Altra domanda ipoteticamente l'Italia se adottasse un'altra moneta estera lo Yuan cinese :) o con la Nuova Lira e i tedeschi tornassero alla loro moneta al Marco la differenza tra PIL italiano e tedesco come minimo si dimezzerebbe o sbaglio ??? Ultima considerazione non e' troppo esagerato dare tanta importanza al PIL facendo a gara a chi ce l'ha piu' grosso neanche fossimo bambini a confrontare i propri falli ? Perche' alla fine la Germania e' una colonia USA come noi poi vedi la Russia superpotenza politica e militare che non si sottomette agli USA e capisci che ci sono cose piu' importanti del PIL !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dobbiamo inttodurre una moneta che sia la nostra ! Usarne una diversa è comunque sempre un pericolo. Il PIL non è l’unica cosa che conta, certo, ma non far marciare l’economia al suo potenziale vuol dire disoccupazione, diseguaglianze, fallimenti di aziende. Tutte cose con le quali non vivi bene.

      Elimina
  25. Quanto perderebbe di PIL la Germania col ritorno ipotetico al Marco ??? E l'Italia quanto recupererebbe con la Lira ?? E' fisiologico avere un economia con 1.700 di PIL con una popolazione attiva di 28 milioni e che i tedeschi con 3.000 di PIL abbiano una popolazione attiva di 54 milioni, e' fisiologico avere quasi la meta' di PIL con la popolazione attiva dimezzata, anzi i tedeschi.pur avendo una popolazione attiva doppia ( e anche una mometa sottovalutata ) non.hanno un PIL doppio 1.700 Italia 3.000 Germania !!! ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dalle loro politiche. Se rilanciano la spesa interna con investimenti pubblici e minori tasse, possono benissimo assorbire la rivalutazione del marco senza perdere nulla in termini di PIL.

      Elimina
    2. E l'Italia recupererebbe solo 100 miliardi di PIL con la nuova Lira o coi CCF ?

      Elimina
    3. Almeno 100 miliardi in tre anni, e altrettanti nei tre-quattro successivi.

      Elimina
  26. Che ne pensa del fair play finanziario calcistico, il PSG fa quel che vuole ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi lascia molto perplesso perché l'impressione è di regolamentazioni complesse, opache, e interpretate in modo parecchio arbitrario. Ne so molto poco, comunque.

      Elimina
  27. Le differenze tra PIL italiano e tedesco sono ampie 1.700 contro 3.000 ma e' fisiologico vista la popolazione attiva delle due nazioni la popolazione attiva tedesca e' il doppio di quella italiana !!! ??? E perche il marco varrebbe piu del dollaro nonostante l economia tedesca sia minore rispetto a quella USA ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La popolazione attiva tra Germania e Italia è diversa, ma molti più lavoratori potenzialmente attivi in Italia sono disoccupati o sottoccupati, quindi le differenza si può (e deve) ridurre.


      Non c'è un nesso tra cambio e dimensioni dell'economia: la Svizzera ha otto milioni di abitanti ma il franco vale circa un dollaro...

      Elimina
    2. Il mercato decide il valore delle valute ?

      Elimina
    3. Se non ci si mettono di mezzo governi e banche centrali, sì...

      Elimina