lunedì 27 gennaio 2020

Elementi chiave per avviare il progetto CCF


Un governo determinato e coeso.

Un governo che controlli il MEF. Il governo gialloverde non lo controllava: Tria rispondeva a Mattarella e quindi alla UE.

Un Ministro dell’Economia che dia corso al progetto, anche in presenza di pareri dubitativi o negativi da parte di organismi tecnico-burocratici.

Descrivere il progetto per quello che è: la soluzione per risolvere le disfunzioni dell’Eurosistema, non per romperlo – e non lo si vuole rompere perché, introducendo i CCF, non ne esiste più alcuna necessità.

Spiegare al mercato, in termini chiari, semplici e privi di ambiguità, che il Maastricht Debt – il debito in euro da rimborsare e rifinanziare – diminuirà costantemente in rapporto al PIL.

Se la UE minaccia la procedura d’infrazione, rispondere che non ce ne sono i presupposti, e andare avanti tranquilli.

Se la UE mette in atto la procedura d’infrazione, proseguire comunque tranquilli. Francia e Spagna sono stati in procedura d’infrazione per una decina d’anni.

Se la UE sanziona, proseguire comunque tranquilli. La potenziale sanzione (lo 0,2% del PIL) è niente in confronto ai benefici del progetto CCF.

Continuare senza esitazioni anche in caso di turbolenze di mercato. Rientreranno in pochi mesi quando il mercato constaterà che il rapporto Maastricht Debt / PIL si riduce, che la crescita riparte, e che non c’è alcuna volontà né necessità di rompere l’euro.


14 commenti:

  1. Se la BCE riduce pesantemente acquisti dei titoli ita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il QE è rimasto sospeso per un paio d'anni e non è crollato il mondo. Con i CCF siamo anche in grado di sostituire gli acquisti che oggi effettua la BCE.

      Elimina
    2. Tutto a posta allora. Ah no aspetta mancano politici (non dico Statisti che quelli ormai sono una categoria mitologica) seri che pensino all'interesse del popolo... Stiamo freschi

      Elimina
    3. Al governo non si vedono, quantomeno tra chi è in posizione di decidere. All'opposizione chissà ? finché al governo non ci vanno comunque la domanda è accademica...

      Elimina
    4. Se per opposizione intende il cdx ho seri dubbi al riguardo. Cmq posso dirle che vorrei proprio che andassero al governo per vedere che combinano. Ma mi è già bastato vedere la Lega insieme al 5S. Tria lo ha imposto il PdR certo, ma Lega e co lo hanno accettato senza troppi complimenti (cianciavano l'impeachment e poi si son fermati li). Avrebbero potuto impuntarsi e mettere un altro ministro spiegando che volevano fare il ccf. Non l'hanno fatto quindi per me sono tutti della stessa risma (il pd è un tumore radioattivo non fa neanche testo). Ma ripeto vorrei vedere la Lega al governo cosi si scoprono tutte le carte e vediamo di che pasta son fatti

      Elimina
    5. Giusto una precisazione: di impeachment parlava Di Maio. Per opposizione intendo il cdx, certo: un'altra non c'è.

      Elimina
    6. Anche la Meloni era per l'impeachment. Salvini ovviamente è stato più furbo e ha taciuto. Ovvio che la procedura sarebbe stata inutile. Ma dovevano tutti impuntarsi sul ministro al MEF e proporre il ccf. Il resto è tutta fuffa e teatrini

      Elimina
  2. Che poi anche se la UE ci sanziona e noi non paghiamo che ci possono fare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sospenderci l'erogazione di fondi. Che sono meno dei nostri contributi, peraltro...

      Elimina
    2. E quindi nessun impatto.

      Elimina
  3. USA CLOACA DELL'UMANITÀ quasi tutti i disastri degli ultimi 90 anni li hanno provocati i meticci obesi violentatori ameriCANI e chi CONOSCE LA STORIA LO SA !!!
    LUCA IL VERO NAZIONALISTA

    RispondiElimina
  4. Marco Cattaneo concordo con lei. È proprio ciò che servirebbe.

    RispondiElimina