martedì 12 giugno 2018

Perchè l'espansione fiscale non fa esplodere il deficit


L’ultimo post chiariva la (fondamentale) differenza tra impulso fiscale e variazione del deficit pubblico. Il tema è tutt’altro che accademico e, anzi, è estremamente rilevante nell’attuale contesto economico italiano.

Il motivo è molto semplice. Il governo M5S – Lega ha un programma espansivo, che comporta l’immissione nel sistema economico di circa 100 miliardi di euro tra minori tasse, maggiori pensioni e trasferimenti, e maggiore spesa pubblica. Moltissimi commentatori hanno lanciato alti strali, in quanto 100 miliardi sono circa il 6% del PIL italiano. Si è quindi parlato di “sfondamento dei conti pubblici”, di “esplosione del deficit”, di “terribile irresponsabilità fiscale”, eccetera.

Questi commenti nascondono un (gravissimo) equivoco tra i due concetti sopra menzionati. Effettivamente l’ordine di grandezza degli interventi proposti è di 100 miliardi: ma si tratta di 100 miliardi di impulso fiscale. Che a questo corrisponda un incremento del deficit di pari dimensione, è possibile sostenerlo solo sulla base dell’ipotesi che questa immissione di potere d’acquisto abbia ZERO effetto espansivo sull’economia.

Un’ipotesi completamente infondata, sia sul piano teorico, che su quello pratico (come, per nostra disgrazia, ampiamente dimostrato dagli eventi del periodo 2011-2013, quando manovre di segno contrario – restrittive e non espansive – hanno affondato il PIL e, nello stesso tempo, prodotto solo una modestissima diminuzione del deficit pubblico).

Per rendersi conto della differenza, applicata al possibile contesto italiano del prossimo futuro, tra impulso fiscale e variazione del deficit pubblico, proviamo a ipotizzare quanto segue:

UNO, il moltiplicatore keynesiano dell’impulso fiscale è pari a 1,00x (ipotesi cautelativa, nel contesto attuale italiano caratterizzato da fortissima depressione della domanda e da pesante sottoutilizzo dei fattori produttivi).

DUE, i 100 miliardi di impulso fiscale vengono distribuiti nell’arco di tre anni (2019-2020-2021).

Le più recenti previsioni “tendenziali” (cioè in assenza di interventi) elaborati dal precedente governo (Documento di Economia e Finanza del Ministero dell’Economia, aprile 2018) si sintetizzano come segue.

Miliardi di euro

2017
2018 DEF
2019 DEF
2020 DEF
2021 DEF
PIL

1.717
1.765
1.822
1.877
1.928
Crescita reale


1,5%
1,4%
1,3%
1,2%
Inflazione


1,3%
1,8%
1,7%
1,5%
Deficit pubblico

-39
-28
-15

4
Altre variazioni debito pubblico

-18
-8
-9
-15
Debito pubblico

2.263
2.309
2.332
2.341
2.352
Deficit pubblico %
-2,3%
-1,6%
-0,8%

0,2%
Debito pubblico %
131,8%
130,8%
128,0%
124,7%
122,0%


L’applicazione dei 100 miliardi di impulso fiscale, sulla base delle (semplici e conservative) ipotesi sopra menzionate, porta a quanto segue:




2018 con
2019 con
2020 con
2021 con
Miliardi di euro

2017
impulso
impulso
impulso
impulso
PIL

1.717
1.765
1.855
1.944
2.028
Crescita reale


1,5%
3,3%
3,0%
2,8%
Inflazione


1,3%
1,8%
1,7%
1,5%
Deficit pubblico

-39
-28
-33
-35
-49
Altre variazioni debito pubblico

-18
-8
-9
-15
Debito pubblico

2.263
2.309
2.350
2.394
2.457
Deficit pubblico %
-2,3%
-1,6%
-1,8%
-1,8%
-2,4%
Debito pubblico %
131,8%
130,8%
126,6%
123,1%
121,2%
Moltiplicatore



1,00
1,00
1,00
Impulso fiscale


33
67
100
Maggior PIL per impulso fiscale


33
67
100
Entrate / PIL
47,5%
47,5%
47,5%
47,5%
47,5%
Maggiori entrate


16
32
48


Altrimenti detto: tre anni di crescita reale intorno al 3% annuo invece che sotto l’1,5%; 100 miliardi di PIL in più nel 2021; un rapporto debito pubblico / PIL in calo più rapido rispetto all’ipotesi “tendenziale” (quella senza impulso fiscale); e…

…il deficit / PIL che rimane comunque sempre sotto il 3%.

E tutto questo senza neanche bisogno di attuare la manovra espansiva mediante emissione di Moneta Fiscale / CCF – che non essendo debito, migliorerebbe nettamente sia il deficit / PIL che il debito / PIL.

In sintesi, in un contesto di forte sottoutilizzo delle risorse produttive, l’espansione fiscale produce un notevolissimo miglioramento della crescita economica a fronte di un modesto innalzamento del deficit. Al contrario, politiche restrittive hanno scarsi impatti riguardo agli obiettivi di contenimento del deficit, mentre danneggiano enormemente produzione e occupazione.


120 commenti:

  1. Bisognerebbe accertarsene e insistere attraverso canali di comunicazione che ci sono ormai noti e, in parte accessibili. Il nostro gruppo è in contatto ormai diretto e/ o indiretto con la compagine governativa, come tu sai. Potremmo unire le forze insieme a tante personalità che hanno animato i nostri dibattiti e che anche tu conosci. Che ne dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d’accordo ! Ti mando tra poco un’email con alcune riflessioni sul tema.

      Elimina
  2. Mi scusi l'OT ma ho letto che, secondo l'articolo 4 bis del DL 2017/50, la cessione di Ecobonus (Credito d'imposta per interventi di riqualificazione energetica) può essere effettuata a favore di ALTRI SOGGETTI PRIVATI, CON LA FACOLTA' DI SUCCESSIVA CESSIONE DEL CREDITO.
    Sbaglio o questo punto manca solo l'incorporazione di detto bonus in un titolo di credito al portatore e avremo la creazione del primo CCF?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della segnalazione, non ne ero a conoscenza ! sembrerebbe di sì. Va verificato se si tratta di un credito d'imposta non pagabile (nel qual caso NON incrementa nel il debito pubblico né il deficit) o pagabile (cioè soggetto a rimborso cash se non utilizzato entro una data prestabilita: in questo caso è debito).

      Elimina
  3. Draghi ha annunciato il dimezzamento del QE a ottobre e la conclusione totale a dicembre: leggo che Udo Gumpel e Alan Friedman gioiscono ironizzando…

    cosa succederà ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La decisione era prevista e i tempi per un eventuale innalzamento dei tassi sono comunque “non prima di giugno 2019”. Posizione BCE quindi in realtà “dovish”, tanto è vero che l’euro si è indebolito. Quello che succederà all’Italia dipende dagli spazi d’impulso fiscale che ci prenderemo - via Moneta Fiscale e/o innalzamento del deficit. Che finisca il QE a questi fini non rileva (se i due signori citati affermano il contrario, dimostrano solo di non conoscere la macroeconomia...).

      Elimina
  4. Il gioco d azzardo vale 96 miliardi lo stato ne prende solo 8 e se lo nazionalizzassimo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse può aiutare anche questo. Ma 96 mi pare un numerone. Comprende il clandestino ? Si può eliminarlo del tutto ? Dubito.

      Elimina
    2. No e' il gioco legale. Eppoi perche' non si combatte l evasione fiscale sul serio.

      Elimina
    3. Non è la soluzione. Ridurre l’evasione è importante sul piano dell’equità, ma non immette potere d’acquisto nell’economia - anzi, al contrario.

      Elimina
    4. Lei e' a favore dell evasione? Quante cose potrebbe fare lo stato con 270 miliardi € in piu' in bilancio fonte eurostat.

      Elimina
    5. Non ho detto che sono a favore dell’evasione, ho detto che ridurla non mette più soldi nell’economia. E che senza mettere più soldi nell’economia non si risolve nulla.

      Elimina
    6. Se lo stato avesse piu' entrate potrebbe fare manovre piu' espansive. O no?

      Elimina
    7. Che sarebbero una ridistribuzione. E le ridistribuzioni da sole non risolvono. Vedi post del 14.10.2016.

      Elimina
    8. Io non sono comunista ma lo stato e' il motore dell economia.

      Elimina
    9. E infatti anch’io voglio che lo Stato immetta più potere d’acquisto nell’economia. Quindi incrementandolo, non (o non solo, o non principalmente) riallocandolo.

      Elimina
    10. E' vero che considerando anche debito implicito la Germania e' piu' indebitata dell Italia?

      Elimina
    11. Ho visto alcune stime secondo è più alto considerando anche gli impegni pensionistici.

      Elimina
    12. Perche' i mercati non puniscono la Germania?

      Elimina
    13. Gli impegni pensionistici non sono considerati debito. E va detto che sono stime a legislazione invariata: ma la legge può essere modificata, senza che questo dia luogo a un default.

      Elimina
    14. Usciremo mai dall Impero Americano? E dai suoi soprusi,stupri,omicidi dei soldati USA di stanza in Italia come dicono le questure nelle zone occupate dal Friuli alla Sicilia?

      Elimina
    15. Mi sembra più difficile che uscire dalla UE. Bisogna anche ricordare che abbiamo perso una guerra - dichiarata da noi.

      Elimina
    16. Non abbiamo speranze? Da quello che so possiamo sperare o nei cambiamenti climatici o in un eruzione stile apocalisse del parco di yellowstone negli USA che renderebbe invivibile meta' degli USA io lo spero.

      Elimina
    17. Guardi, gli USA hanno sicuramente parecchi difetti come potenza egemone, ma a mio modesto avviso tutte le alternative sono peggio...

      Elimina
    18. Le democrazie sono sopravvalutate.

      Elimina
    19. Russia e Cina ci rispettano e stimano molto piu' degli USA.

      Elimina
  5. Il falso made in italy vale 100 miliardi solo per l'enogastronomia cosa potremmo fare per prendere i nostri soldi? Accordi bilaterali minacciando dazi a chi esporta troppo in Italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello lo fa Trump, che è in deficit con il resto del mondo. Noi siamo in surplus, non mi pare la strada...

      Elimina
  6. Cina e Germania sono in surplus con noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se lo facciamo noi con i paesi con cui siamo in deficit, tutti quelli con cui siamo in surplus si sentirebbero autorizzati a fare lo stesso con noi...

      Elimina
    2. Non e' detto sia cosi'?

      Elimina
    3. Ma i CCF sono una specie d'incentivo per aumentare investimenti,consumi e assunzioni? O ho capito male?

      Elimina
    4. Sono un mezzo per introdurre domanda nel sistema economico: investimenti, consumi e assunzioni vengono di conseguenza. Vedi la presentazione inclusa nel post del 24.5.2018.

      Elimina
    5. E quindi resuscitare il mercato interno?

      Elimina
    6. Certamente, in primo luogo. E anche la competitività delle aziende, perché si erogano CCF anche a loro in funzione dei costi di lavoro sostenuti - quindi riducendo l’onere effettivo.

      Elimina
    7. Ma i 5 stelle faranno qualcosa di simile? Lei e' ottimista?

      Elimina
    8. Come rendere i processi civili e penali piu' veloci? Se lo fossero ci sarebbero 96 miliardi € di maggior produttivita' e col 50% di tasse lo stato guadagnerebbe 48 miliardi € ?

      Elimina
    9. Non ho ricette magiche per ogni cosa :) il problema della giustizia lenta comunque c’è sempre stato, e l’Italia cresceva lo stesso quanto e più degli altri (prima dell’euro...).

      Elimina
    10. La flat tax serve?

      Elimina
    11. Serve ridurre le tasse, ma la flat tax non mi piace. Il beneficio dev’essere rivolto alle persone in condizioni disagiate, non ai redditi medio-alti e alti.

      Elimina
    12. E il reddito di cittadinanza?

      Elimina
    13. Come misura di sollievo ai ceti in maggiore difficoltà mi va bene, ma dev’essere orientato a riqualificare ed inserire nel mercato del lavoro

      Elimina
  7. Col sistema contributivo retroattivo lo stato risparmierebbe 46 miliardi € che ne pensa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che il risparmio dello Stato significa meno soldi in tasca ai cittadini. Quindi i 46 miliardi di “risparmio” mi interessano solo se se ne mettono di più nell’economia, e in modo più efficace per la crescita. Se no è solo un danno.

      Elimina
    2. Lei e' il classico imprenditore simpatizzante di evasione e corruzione ?

      Elimina
  8. Abbiamo 42 miliardi di fondi europei ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che non riusciamo a spendere perché bisogna cofinananziarli al 50%, cosa che gli eurovincoli ci creano grosse difficoltà a fare...

      Elimina
  9. All’anonimo 16.6.2018 h 21.14: no, mi limito a identificare le cause effettive dei problemi attuali - in particolare, quelle che so come rimuovere.

    RispondiElimina
  10. 27 miliardi € lo stato potrebbe risparmiare con aiuti a scuole paritarie,private che poi potrebbero esser messi per i redditi meno abbienti? Aiuterebbe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente sì. Ma è sicuro delle cifre ? Mi sembrano troppo alte.

      Elimina
  11. 15 miliardi € lo stato guadagnerebbe con legalizzazione droghe leggere e prostituzione. E' d'accordo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prostituzione si’, droghe leggere non so se andrei oltre quanto è già stato fatto. La cannabis è già legale o sbaglio ?

      Elimina
  12. Aumentare la tassazione su rendite finanziarie e capitali non investiti e redistribuire la ricchezza farebbe aumentare i consumi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe. Ma ricordiamoci che controllando la propria moneta ed emettendone di più possiamo riportare l’ecomonia al pieno impiego senza aumentare le tasse di nessuno.

      Elimina
  13. Grazie al ritorno dell'inflazione risparmieremo miliardi € ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’inflazione ripartirà solo se migliorerà il mercato del lavoro. Quelli è il vero guadagno per il paese.

      Elimina
  14. Cosa fare contro la burocrazia che costa 30 miliardi annui ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto evitare di aggiungere un livello in più, quello UE...

      Elimina
  15. Abbiamo problema neet ragazzi che non fanno nulla cosa si puo' fare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rilanciare l’economia e quindi l’occupazione, giovanile e non. La chiave è sempre quella.

      Elimina
  16. Dovremmo esser presenti di piu' sui grandi mercati internazionali come l Indonesia che ha 260 milioni d abitanti e tra i ceti medi africani ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovremmo essere presenti di più DAPPERTUTTO: e il guadagno di competitività ottenibile con i CCF lo consente.

      Elimina
  17. Veto sanzioni europee alla Russia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le sanzioni alla Russia le toglierei, ma il problema è complesso perché entrano in gioco i rapporti con gli USA.

      Elimina
  18. Milena Gabanelli sul corriere voleva risolvere il problema del debito assicurandolo in un fondo. Che ne pensa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che richiederebbe l’assenso dei tedeschi. Assenso che non ci sarà mai.

      Elimina
  19. E' a favore della web tax?

    RispondiElimina
  20. Americani che non pagano.

    RispondiElimina
  21. Perche' c'e' questo clima di depressione in Italia ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché la domanda è depressa, la disoccupazione è alta e la situazione è ancora peggiore tenuto conto che i posti di lavoro che si creano sono sostanzialmente solo part-time e precari.

      Elimina
  22. E' a favore di questa immigrazione incontrollata ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, l'immigrazione è una risorsa purché la si gestisca con gradualità e facendo in modo che le persone che arrivano abbiano concrete possibilità di inserimento nel tessuto economico.

      Elimina
  23. I valori immobiliari fatti dallo sono diversi rispetto a quelli di mercato ?

    RispondiElimina
  24. I valori immobiliari fatti dallo stato sono diversi rispetto a quelli di mercato ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I valori catastali ai fini dei calcoli per IMU, TASI ecc. sono valori convenzionali, non di mercato, sì.

      Elimina
  25. Quindi con riforma catasto aumentano solo le tasse non il valore di mercato ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo… il valore di mercato lo determina chi compra e chi vende, non certo il catasto.

      Elimina
  26. Lo sa perche' abbiamo perso la Seconda Guerra Mondiale ? Secondo Carlo Rubbia Premio Nobel per la Fisica; nel 1936 Enrico Fermi per colpa di un millesimo di millimetro di alluminio non riusci' a scoprire la fissione nucleare che verra' scoperta ma solo nel 1939 dai tedeschi 3 anni fondamentali perche' se fosse stata scoperta nel 1936 anche i Nazisti sarebbero arrivati al nucleare e ci sarebbe stata una guerra nucleare tra Germania USA che presto si sarebbe trasformata in guerra termonucleare e il mondo che fine avrebbe fatto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che è andata meglio come è andata...

      Elimina
  27. Meglio l'Italia colonia USA che la fine del mondo eppoi possiamo dire che noi italiani grazie a quel pezzetto di alluminio abbiamo salvato il mondo. O no ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì. Poi colonia USA lo siamo stati (e lo siamo) tanto quanto tutti gli altri paesi europei occidentali. Ma gli USA (che hanno i loro difetti, e chi non ne ha ?) non ci hanno mai imposto politiche economiche distruttive del nostro potenziale di crescita.

      Elimina
  28. Cosa che ha fatto l Unione Europea.

    RispondiElimina
  29. E' vero che i CCF sono ispirati al nazismo e dalla guerra di secessione USA ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non al nazismo in quanto tale, ma ai MEFO bills che Schacht utilizzò per rilanciare l'economia tedesca. Vedi post del 28.1.2013.

      Elimina
  30. Il mio piano per l'indipendenza energetica: usando prima tutti i nostri combustibili fossili per 3 anni 8 mesi poi coi soldi risparmiati dai 70 ai 110 miliardi € annui finanziare la costruzione di centinaia di migliaia di centrali geotermiche a bassa entalpia( energia dal calore terrestre totalmente ecologica) per la nostra indipendenza energetica definitiva. Che ne pensa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ben lontano dal possedere le competenze minime per esprimere un’opinione in merito :)

      Elimina
    2. Potremmo usare i CCF per finanziare la costruzione delle centrali geotermiche ?

      Elimina
    3. Secondo l'MIT di Boston la geotermia renderebbe inutile qualsiasi altro tipo d'energia non rinnovabile se solo s'investisse in essa. Non e' a conoscenza ?

      Elimina
    4. No, non so pressoché nulla sull’argomento.

      Elimina
    5. La Germania e' fallita 4 volte in 30 anni 1918-1948 ? Con quali conseguenze ?

      Elimina
    6. Dopo la prima guerra mondiale, ne è seguita l’iperinflazione di Weimar prima, un parziale condono del debito - insufficiente però quando è scoppiata la grande Depressione - e alla fine il nazismo. Dopo la seconda il condono è stato molto più rapido e generoso... cosa per cui i tedeschi oggi dimostrano ZERO riconoscenza.

      Elimina
    7. E' giusto redistribuire la ricchezza ? Farebbe aumentare i consumi ?

      Elimina
    8. Giusto sì, ma in questo momento ci sono spazi enormi per AUMENTARLA (tramite più potere d'acquisto in circolazione, più domanda, più consumi, più occupazione). E questo aumento deve andare soprattutto a beneficio delle classi sociali disagiate. Ma senza bisogno di togliere niente a nessuno.

      Elimina
    9. Cosa fare per tornare a fare figli ? E' un problema enorme per il futuro ?

      Elimina
    10. In primo luogo, immettere potere d'acquisto nell'economia e farla ripartire - che vuol dire più posti di lavoro stabili e più famiglie che si formano. Poi, incentivi specifici alla natalità e ai nuclei familiari.

      Elimina
    11. Quant'e' importante l'aspetto mentale e la fiducia nell'economia ?

      Elimina
    12. Ovviamente è importante, ma i meccanismi che creano o fanno perdere fiducia non sono difficili da comprendere… se continuano ad aumentarmi le tasse e a tagliare servizi, sostegni e investimenti pubblici in una fase (che dura da anni) di economia depressa, l'"aspetto mentale" non migliora di sicuro...

      Elimina
    13. Il capitalismo e' meritocratico ? Funziona ?

      Elimina
    14. Funziona se abbinato a un ruolo dello Stato, non solo in funzione di regolatore ma anche di produttore e/o garante di una serie di servizi essenziali. L'economia mista europea (e italiana) dei trenta / quarant'anni dopo la seconda guerra mondiale, in altri termini...

      Elimina
    15. Patrimoniale alla Giuliano Amato che effetti ebbe ?

      Elimina
    16. Parliamo dell'ICI introdotta a luglio 1992 insieme al prelievo del sei per mille sui conti correnti ? un tentativo disperato di evitare la svalutazione, che non funzionò. Lo SME si ruppe a settembre. E il 1993 fu un anno di calo del PIL, a causa di quelle inutili (anzi controproducenti) azioni recessive.

      Elimina
  31. Il fascismo in economia ha fatto qualcosa di buono ? E il comunismo perche' e' fallito ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'IRI e la legge bancaria del 1936. Ma decisamente non è da rimpiangere. Il comunismo ha fallito perché lo stato deve regolamentare e fornire servizi essenziali, ma la libera imprenditoria deve essere salvaguardata. Il modello di economia mista, vedi sopra...

      Elimina
  32. Grazie ai CCF il debito pubblico italiano e' sostenibile ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i CCF si può bloccarne la crescita una volta per tutte.

      Elimina
  33. I ccf sono rimborsabili solo dopo 2 anni ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono rimborsabili. Passati due anni dall'assegnazione (e per un periodo di tempo illimitato) possono essere utilizzati per ridurre pagamenti di tasse altrimenti dovuti.

      Elimina
  34. Sono diversi dai mefo bond.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il principio è analogo. Vedi anche il post del 18.2.2016.

      Elimina
  35. Noi italiani siamo grandi produttori d auto perche' il gruppo FCA non sfrutta il design delle Ferrari di qualche anno fa riciclandolo per modelli d altri marchi il primo criterio di scelta di un auto e' l estetica e' stato dimostrato. Che ne pensa!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i nuovi modelli Alfa si sta già andando in quella direzione, mi sembra. Anche con Maserati.

      Elimina
    2. Ma io non parlo solo di tecnologie ma anche di design!?

      Elimina
    3. Parlavo di design anch’io.

      Elimina