lunedì 18 giugno 2018

Dual Currencies in the Eurozone: Stiglitz is Right - but only partially


As usual, we found Joseph Stiglitz’s last article on Project Syndicate (“Can the Euro Be Saved”, June 13, 2018) very insightful. However, there is a point on which we do not quite agree with him, namely the following:

“Italy is large enough, with enough good and creative economists, to manage a de facto departure – establishing in effect a flexible dual currency that could help restore prosperity. This would violate euro rules, but the burden of a de jure departure, with all of its consequences, would be shifted to Brussels and Frankfurt, with Italy counting on EU paralysis to prevent the final break. Whatever the outcome, the eurozone will be left in tatters”.

Our Group ("The Group of Fiscal Money": Biagio Bossone, Marco Cattaneo, Massimo Costa, Stefano Sylos Labini) actually has been very active in developing and promoting such a “dual currency” scheme, in the form of Fiscal Money.

Our proposal is for government to issue transferable and negotiable bonds, which bearers may use for tax rebates two years after issuance. Such bonds would carry immediate value, since they would incorporate sure claims to future fiscal savings, and would be immediately exchangeable against euros in the financial market, or usable as payment instruments (in parallel to the euro) to purchase goods and services.

Fiscal Money would be allocated, free of charge, to supplement employees’ income. fund public investments and social spending programs, and reduce enterprises’ tax wedge on labour. These allocations would increase domestic demand and (by mimicking an exchange rate devaluation) improve enterprise competitiveness. As a result, Italy’s output gap would close without affecting the country’s external balance.

Notice that under IFRS, Fiscal Money bonds would not constitute debt, since the issuer would be under no obligation to reimburse them in cash. Also, under Eurostat rules they would be treated as non-payable tax assets (of which many instances already exist) and would not be recorded in the budget until used for tax rebates - that is, two years after issuance, when output and fiscal revenue have recovered.

While we verified this debt-related issue extensively form both a legal and an accounting standpoint, it is also important to add that the reason for not including non-payable tax liabilities (i.e., Fiscal Money) in the Maastricht Debt is a matter of substance, not just of form. The reason is that a non-payable liability does not bear any default risk due to the lack of repayment capacity from the issuer of the liability.

Based on very conservative assumptions (i.e., fiscal multiplier of 1 and a resumption in private investments to recover half of the drop since the 2007) GDP recovery would generate additional tax revenues sufficient to offset the tax rebates. Projections show that these would peak at around € 100 billion per year, which compares to more than € 800 billion of Italy’s total government revenue. Thus, the cover ratio (that is, the ratio between government gross receipt and tax rebates coming due each year) would be large enough to accomodate for possibile shortfalls due to future recessions.

Have we found the philosopher’s stone ? Certainly not – in an economy with large resource slack, the multiplier work its effects largely on output and moderately on price. And if external leakages are contained (which increased competitiveness would do), the multiplier effects are the highest. Fiscal Money is about mobilizing unutilized resources, accelerating investments and inducing banks to resume lending.

By activating a Fiscal Money program, Italy would solve its output gap problem without asking anything to anybody. No European treaty revisions would be required. No financial transfers would be needed. Public debt would stop growing and start declining relative to GDP, thus attaining the Fiscal Compact goal.

Even if Italy were to lessen its fiscal discipline and decide to over-issue Fiscal Money, only recipients would take the hit, as the value of the instrument would fall while over-issuance would neither affect the value of the euro nor create default risk on a default-free instrument. In any case, the large cover ratio would make this scenario totally unlikely. Besides, it is only fair to remember that Italy’s inability to rein in net public spending is a false myth. Between 1998-2017, Italy has been the only Eurozone country to never achieve a primary budget deficit (other than in 2009). If anything, Italy has suffered from excessive public budget restraint, which has led to its dramatic output decline.

The Fiscal Money proposal is fully consistent with the euro rules and might very well be a permanent set-up for the whole eurozone going forward. There is just no technical or legal reason why the eurozone should be “left in tatters” as a consequence of Italy (and possibly other countries) introducing national Fiscal Money alongside the euro.

94 commenti:

  1. Gentile Marco ho letto su twitter una sua discussione con altri divulgatori circa le prox decisioni cruciali del nostro governo e dell'asse fra-ger per quanto riguarda unione fiscale.. e mi par di capire che le cose stiano prendendo una brutta piega.. giovedi e venerdi sapremo già se il nostro governo bluffa o se sta adottando una tattica difensiva? O si dovrà aspettare ancora per avere le idee chiare? Entro autunno credo che i nodi verranno al pettine e si capirà se ci stanno prendendo in giro. Vorrei sapere una sua opinione soprattutto sui tempi che le ho scritto. Grazie come sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non sbaglio il vertice UE è il 29-30 giugno, quindi non sono due giorni ma una decina per avere le idee più chiare. Per quello che ho letto, le proposte congiunte Franco-Tedesche sono in parte irrilevanti (= fumo) ma in parte assurde e controproducenti: mi riferisco soprattutto al meccanismo di possibile ristrutturazione automatica del debito pubblico. Spero che il governo si muova di conseguenza - rigettando il tutto.

      Elimina
    2. Il fatto che il Prof. Barra Caracciolo sia nel governo mi dà un po' di sicurezza (ma a questi vertici lui ci sarà come consigliere tecnico?). Ormai comunque siamo entrati in fasi cruciali.. che dire.. speriamo in bene. C'è molto in gioco non solo per il Nostro Paese.

      Elimina
    3. Dovrebbe esserci eccome, è sottosegretario agli affari europei...

      Elimina
  2. Quindi anche il Prof. Savona ci sarà. Non ho dubbi su di loro. Sanno quello che fanno. Savona è europeista ma non accetterebbe mai una pseudo unione che dia solo vantaggi predatori a ger nei nostri confronti. Cosa che peraltro già accade ora a nostro danno da svariati anni ormai. Grazie a risentirci. La seguirò spesso nei prox giorni. Ci tenga informati sul vertice per quanto può nelle sue possibilità. Sempre stima

    RispondiElimina
  3. L'Eurispes dice che abbiamo 540 miliardi di economia sommersa col 50% di tasse arriviamo a 270 miliardi € di evasione e' stima plausibile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra assolutamente esagerata. E comunque la maniera migliore per far emergere il sommerso è trattare meglio (sul piano della fiscalità) le attività regolari. Vedi post del 5.6.2013.

      Elimina
    2. Secondo lei quanto vale l'evasione ?

      Elimina
    3. Il sommerso ? non più di metà di quelle cifre. E ricordiamoci che in nessun paese al mondo è zero.

      Elimina
    4. Quindi 135 di sommerso e 67 miliardi € di evasione ?

      Elimina
    5. Qualcosa del genere. Ma (scusi se sono ripetitivo…) non pensiamo di poterli portare a zero.

      Elimina
    6. Milena Gabanelli proponeva la tassazione del contante e l'uso di moneta esclusivamente tracciabile.

      Elimina
    7. Non mi convince. E' una limitazione della libertà individuale. E parte dal presupposto che sommerso ed evasione siano la causa principali della crisi, il che non è.

      Elimina
    8. La causa della crisi e' la mancanza di potere d'acquisto?

      Elimina
    9. Certamente. A sua volta dovuta al modo totalmente sbagliato in cui si sono gestiti i postumi della crisi Lehman dal 2011 in poi. Vedi il post (il primo di questo blog…) del 27.1.2013.

      Elimina
    10. Crisi nata negli USA la colpa e' loro ?

      Elimina
    11. Nata come crisi finanziaria legata al settore immobiliare negli USA (ma anche in alcuni paesi europei, come Spagna e Irlanda). Si stava recuperando, sia pure più lentamente del necessario. Poi la prescrizione di politiche di austerità per "accelerare" la diminuzione del debito pubblico nell'Eurozona ha fatto esplodere la seconda fase della crisi, quella dell'Eurosistema.

      Elimina
    12. Ma il debito pubblico dobbiamo ripagarlo per forza e coi ccf avremmo dei vantaggi in questo senso ?

      Elimina
    13. E quale paese ha mai ripagato il debito pubblico ? se è in moneta nazionale, il rischio del debito pubblico non è il default ma casomai l'inflazione (che non c'è). Vedi tra gli altri il post del 18.1.2018. Il problema del debito pubblico italiano è l'essere espresso in moneta straniera (l'euro). I CCF consentono di non farlo più aumentare (e scendere rapidamente in percentuale del PIL).

      Elimina
    14. C'e' un clima di guerra commerciale e non solo nel mondo ?

      Elimina
    15. Beh gli USA sono stufi di fare da "compratori di ultima istanza" per tutti. I cinesi ne hanno preso atto e stanno riducendo il loro surplus. I tedeschi invece non perdono occasione di confermare lo loro notoria "coerenza" che qualcuno chiama "testardaggine incorreggibile"... da notare che già con Obama le lamentele USA non erano mancate: Trump però è decisamente più chiassoso...

      Elimina
  4. Ma la globalizzazione fa bene ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per come è attualmente gestita, crea diseguaglianze - assolutamente evitabili - a danno dei segmenti sociali deboli nelle economia sviluppate. Vedi post del 21.1.2017.

      Elimina
  5. Le politiche economiche di Berlusconi del passato hanno fatto danni ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a metà 2011, non sono state particolarmente brillanti ma neanche pessime. Da lì in poi ha cominciato a cedere alle richieste di euroausterità (per poi essere comunque rimosso).

      Elimina
  6. Ma una patrimoniale sui ricchi in che modo deprimerebbe i consumi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i ricchi se gli togli soldi di tasca spendono meno... certo, toglierli ai non ricchi è molto peggio.

      Elimina
  7. Ma i ccf sono promesse di sconto su tasse future ? In questo modo s'incentiva il mercato interno,ho capito bene ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impegni irrevocabili di sconto su tasse future, che hanno di conseguenza valore fin dal momento della loro assegnazione.

      Elimina
  8. Ho capito e non e' debito per via della differenziazione di tempo di 2 anni e' questo meccanismo che permette al bilancio di non avere passivi ma attivi sperando che la popolazione spenda e investa di piu' ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è debito per un altro motivo: perché non è da rimborsare cash. Vedi il post del 3.4.2017.

      Elimina
    2. Ma solo in sconti di tasse. Giusto ?

      Elimina
    3. Anche contributi sanitari o pensionistici, o qualunque somma dovuta alla pubblica amministrazione. Una multa, per esempio.

      Elimina
  9. I paesi che investono di piu' in formazione hanno bassa disoccupazione perche' l'Italia ci investe pochissimo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché quando sei soggetto a politiche che tendono sempre e comunque a comprimere la domanda interna, finisci per investire poco in tutto - in impianti, in formazione, in ricerca eccetera. Vedi post del 9.1.2016.

      Elimina
  10. Cosa fare contro le mafie che ci costano 100 miliardi € annui ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono decisamente inesperto sul tema. L’unica affermazione che mi sento di fare è che un’economia che funziona tende anche a disincentivare le situazioni irregolari, criminalità inclusa.

      Elimina
  11. L'€ ci ha fatto fatto risparmiare sugl'interessi sul debito ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma neanche quello. Vedi post del 4.9.2013.

      Elimina
  12. Abbiamo scoperto e inventato noi italiani: antibiotici Vincenzo Tiberio,elettricita' Alessandro Volta, microprocessore (senza il quale non esisterebbe Internet) Federico Faggin, pila atomica Enrico Fermi che ha evitato una guerra termonucleare,motori a scoppio e elettrico Barsanti e Matteucci, Ferraris. Solo per dirne alcune; siamo un grande popolo ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certamente. E dobbiamo solo sviluppare le nostre potenzialità al meglio, rifiutando interferenze di terzi.

      Elimina
  13. Quando vieni a sapere che il 50% dei marocchini e' analfabeta nel 2018 diventa difficile non essere razzisti ma d'altronde quando Fermi costruiva la pila atomica 70 anni fa in Africa la guerra la facevano con le lance e le spade.

    RispondiElimina
  14. Ma la Grecia come sta ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente male. Depressione costante e nessun problema risolto.

      Elimina
  15. La differenza tra minibot e ccf ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In poche parole...

      Elimina
    2. Il punto fondamentale è che i Minibot sono dati a fronte di crediti già esistenti, i CCF vengono creati ex novo. Per questo i CCF sono molto più efficaci (mi rendo conto che è un giudizio di parte... ma è sincero :))) ).

      Elimina
  16. Quindi una patrimoniale di 100 mila € sui 10 milioni di cittadini piu' ricchi che porterebbe 1000 miliardi € con cui abbassare le tasse su poveri e ceto medio e imprese farebbe cosi male ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farebbe malissimo, perché il 95% di quei 10 milioni hanno appunto un patrimonio pro-capite medio di 100.000 euro. Quella patrimoniale gli porterebbe via TUTTO.

      Elimina
  17. I 10 milioni piu' ricchi hanno piu' di 100.000 € pro capite e li recuperebbero subito nel paese dell evasione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In media sì, ma è una media totalmente distorta da poche centinaia di migliaia di milionari.

      Elimina
  18. Ma lei conta le ricchezze finanziarie e il patrimonio immobiliare o solo una delle 2 ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il totale (il che rende ancora più difficile applicare una mega patrimoniale: che si fa, si consegnano gli immobili ???).

      Elimina
  19. Lei lo sa che il 10% della popolazione possiede il 50% della ricchezza totale il che vuol dire che 6 milioni possiedono 5000 miliardi € perche' se la matematica non e' un'opinione come insegna lei 10.000 miliardi(2000 finanziaria e 8000 immobiliare) : 2 fa 5000 oppure le statistiche Istat e Oxfam si sbagliano!? LEI HA STATISTICHE PIU' PLAUSIBILI !???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma l'80% di quei 6 milioni, quindi 4,8, possiede il 20% dei 5.000 miliardi, quindi 1.000 miliardi (se è vero che il totale è 10.000, io ho stime intorno agli 8.000 ma rimaniamo su 10.000 come esempio). Perciò la media procapite di 4,8 milioni è di 200.000 euro circa e chiaramente NON PUOI TOGLIERGLIENE 100.000 A TESTA come proposto.

      Elimina
  20. Quindi lei boccia la patrimoniale ma la ricchezza e' fortemente disomogenea non e' giusto anche per la domanda interna che 6 milioni posseggano la meta' della ricchezza nazionale se la ricchezza fosse distribuita meglio il paese andrebbe bene e il mercato interno resusciterebbe!? Magari si potrebbe fare patrimoniale sui milionari?? Anche se io sono per la grande patrimoniale!!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho nulla contro la patrimoniale in principio - a parte che forme di patrimoniale esistono già su immobili e titoli - ma spiegavo perché non può dare centinaia di miliardi di gettito. Quanto alla riduzione delle diseguaglianze è un obiettivo correttissimo, ma il modo migliore per ottenerlo è riportare l’economia al pieno impiego e di conseguenza ottenere un netto recupero delle retribuzioni.

      Elimina
    2. Io sono d accordissimo col programma ccf lei e' il nostro HYALMAR SCHACHT ma una patrimoniale sui 1,2 milioni che posseggono 4000 miliardi € che sono super ricconi di 1 milione € porterebbe 1200 miliardi quindi porterebbe tanti soldi perche' 1 milione x 1,2 milioni fa 1200 miliardi SONO TANTISSIMI SOLDI !!!???

      Elimina
    3. Cioè il 30% di tutto quello che hanno ? Irrealistico.

      Elimina
    4. Un governo coraggioso che vuol ridistribuire potrebbe farlo!?

      Elimina
    5. Era irrealistica anche la patrimoniale di Amato. O sbaglio !!?

      Elimina
    6. Come meccanismo redistributivo è molto più importante raggiungere il pieno impiego. E la patrimoniale di Amato non era irrealistica - tanto è vero che è stata fatta - era sbagliata: ha impoverito il paese per evitare una svalutazione che poi si è dovuta fare comunque.

      Elimina
    7. Perche' e' irrealistico togliere i soldi ai ricchi e in che modo si ridistribuisce di piu' col pieno impiego !!??:)

      Elimina
    8. Non è irrealistico togliere i soldi ai ricchi, è irrealistico pensare che un forte effetto redistributivo si ottenga con quello. La redistribuzione si ottiene con il pieno impiego perché i datori di lavoro si trovano a dover competere per i servizi dei lavoratori, e devono quindi concedere più retribuzioni, più diritti e più tutele.

      Elimina
  21. Che ne pensa dell autarchia ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco il libero scambio ma con meccanismi che garantiscano l’equilibrio dei flussi commerciali.

      Elimina
  22. Che tipo di meccanismi...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per esempio i cambi flessibili, o l’utilizzo dei CCF per migliorare il cuneo fiscale dei paesi in deficit di competitività.

      Elimina
  23. Scusi l ignoranza cosa sono i cambi flessibili ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cambi che fluttuano liberamente, senza che le banche centrali o i governi effettuino acquisti e vendite di valuta per mantenerli a un livello (o all’interno di un canale) prestabilito.

      Elimina
    2. Ma e' possibile una cosa del genere ?

      Elimina
    3. Ma certo. Attualmente i cambi tra dollaro, yen, sterlina, franco svizzero, euro sono tutti flessibili.

      Elimina
    4. C'e' il consenso politico ?

      Elimina
  24. Un esponente della Lega ha parlato di uno studio dell'Universita' di Oxford su flat tax che farebbe crescere PIL del 3% e' realistico ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto questo studio. L’affermazione mi lascia estremamente scettico...

      Elimina
  25. E' vero che dopo USA e Germania siamo terzi per riserve auree al mondo e cosa potremmo farci!? La Gabanelli diceva della possibilita' d'emissione d'un titolo europeo con garanzia il nostro oro per finanziare opere pubbliche o l'indipendenza energetica. Che ne pensa ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe comunque debito ai sensi delle regole Eurostat, mentre i CCF non lo sono.

      Elimina
    2. E' una questione burocratica ?

      Elimina
    3. Anche. Ma poi perché dovremmo spossessarci di un attivo, quando con i CCF non ce n’è bisogno ?

      Elimina
  26. Ma coi ccf che sono impegni irrevocabili di sconti su tasse, prestazioni sanitarie, multe e altri soldi dovuti allo stato dopo 2 anni; il meccanismo che fa ripartire l'economia e' che la gente sapendo che paghera' meno tasse investe e consuma di piu' !? Ho capito bene ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più esattamente, aziende e imprese ricevono SUBITO un titolo che incorpora un beneficio futuro certo, e quindi può essere ceduto contro euro e/o speso.

      Elimina
    2. Ma da subito o dopo 2 anni ?

      Elimina
    3. Gli sconti fiscali sono utilizzabili tra due anni, ma il titolo ha valore immediatamente perché incorpora un diritto futuro certo: per lo stesso motivo per cui un BTP a due anni ha valore già oggi.

      Elimina
    4. Ma gli effetti si vedono da subito o dopo 2 anni ?

      Elimina
    5. Se lei si ritrova in tasca 1.000 euro di BTP a due anni, ha SUBITO dei soldi spendibili, perché può in qualsiasi momento chiamare la sua banca è vendere i 1.000 BTP ottenendo per esempio 980 euro. Con i CCF è lo stesso.

      Elimina
  27. I ccf andrebbero anche agli stranieri ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lavora e produce reddito in Italia - lavoratori e aziende - si’.

      Elimina
  28. Cosa pensa dei cambiamenti climatici e dei documentari che dimostrano come gli stessi fanno la storia !!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che ce ne sono stati in tutte le ere e che ce ne saranno ancora. Oltre questo, la mia competenza non arriva...

      Elimina
  29. Sa ad esempio che l Impero Romano e' crollato per colpa dell immigrazione causata da un eruzione vulcanica che ha causato per anni un eclisse solare durata anni distrusse l agricoltura e cambio' clima e storia !!??

    RispondiElimina
  30. Lei e' favorevole a tassare molto di piu' 3 cose che fanno malissimo come tabacco ( che provoca almeno il 30% dei tumori ai polmoni ) bevande gassate e alcol ( che e' dimostrato provoca piu' danni delle droghe leggere ) !!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono favorevole ad aumentare le tasse. Maggiori imposte su quei prodotti mi stanno bene se consentono di mettere in circolazione PIÙ del maggior gettito, abbassando altre tasse, facendo investimenti pubblici ecc.

      Elimina