venerdì 15 giugno 2018

La difficoltà di far capire che la Moneta Fiscale non è deflagrante


Un recentissimo articolo di Joseph Stiglitz è (come sempre) in larga misura condivisibile; non del tutto, però, nel punto citato qui di seguito:

“L’Italia è sufficientemente grande, con un sufficiente numero di economisti competenti e creativi, per gestire un’uscita dall’euro de facto – introducendo una doppia valuta flessibile che potrebbe aiutare a ristorarne la prosperità. Violerebbe così le regole dell’euro, ma l’onere di un’uscita de jure, con tutte le sue conseguenze, si sposterebbe su Bruxelles e su Francoforte, e l’Italia potrebbe contare sulla paralisi delle istituzioni UE per evitare la rottura finale. Qualunque sia l’esito, l’Eurozona finirebbe a pezzi”.

In quanto afferma Stiglitz, i punti non condivisibili sono due. Il primo è che la “doppia valuta” può essere introdotta mediante il progetto Moneta Fiscale / CCF, che non viola alcuna regola di funzionamento dell’Eurozona (nessun trattato, nessun regolamento, nessun vincolo).

Il secondo, è che si verrebbe a creare una struttura in grado di costituire un assetto stabile ed efficiente. Sul piano tecnico, quindi, il progetto MF / CCF non comporta che l’Eurozona “finisca a pezzi”. Questo è un grosso equivoco che, per qualche ragione a me non evidente, si fa molta fatica a chiarire.

Sul piano politico, si possono naturalmente fare altre considerazioni. Il progetto MF / CCF ridà agli stati autonomia di azione nella formulazione delle proprie politiche economiche, e fa quindi venir meno l’intento “centralizzatore” che l’euro doveva svolgere (quantomeno nelle intenzioni di alcuni dei suoi proponenti originari).

Ma il progetto di centralizzazione (e di integrazione politica) sta comunque fallendo, e le disfunzioni dell’euro sono proprio una delle principali cause di questo fallimento.

L’attuale Eurozona deve cambiare assetto, questo è fuori discussione. Intestardirsi a non risolvere le cause delle disfunzioni è una battaglia di retroguardia.

Se poi l’integrazione politica europea sia un progetto che potrà aver successo, lo dirà la storia. Ma un assetto economico e monetario pesantemente inefficiente, come l’attuale, è deleterio per il futuro del nostro continente, qualunque sia l’obiettivo finale dei processi politici oggi in corso.


147 commenti:

  1. Giovanni Albin: tecnicamente la moneta fiscale sarebbe la soluzione, politicamente sarebbe il detonatore della UE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse, ma non necessariamente. Se succede, è perché si è arrivati alla conclusione che la UE va rottamata: e allora accadrebbe comunque.

      Elimina
  2. Viva l italia
    Patrimoniale di 100 mila € sui 10 milioni piu ricchi porterebbe 1000 miliardi €

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per carità... provocherebbe il crollo immediato di consumi, valori immobiliari, innescherebbe un ulteriore gravissimo peggioramento della depressione economica. I soldi bisogna METTERLI, non toglierli dalle tasche di cittadini e aziende.

      Elimina
  3. Cosa succederebbe se ripudiassimo il debito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due terzi sono detenuti da residenti italiani, quindi sarebbe un pauroso impoverimento per una grossissima parte della collettività nazionale. Non va ripudiato il debito, va rifinanziato con moneta nazionale - quale appunto la Moneta Fiscale.

      Elimina
    2. Lo stato puo' decidere di rimborsare solo i risparmiatori italiani.

      Elimina
    3. E per ritorsione gli altri paesi non rimborserebbero i crediti italiani all’estero. Non è questa la via.

      Elimina
  4. E quanti sarebbero i crediti italiani all estero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circa pari a quelli esteri in Italia. Vedi post del 6.6.2018.

      Elimina
    2. Basterebbe far crescere l inflazione al 3,7% e in 10 anni s elimina il debito ovviamente aiutando i poveri e ceto medio.

      Elimina
    3. Più inflazione si ottiene espandendo la domanda, quindi uscendo dai vincoli dell’eurosistema.

      Elimina
    4. Cosa aspettiamo a uscirne?

      Elimina
    5. Prima c’era un governo al servizio di interessi esterni. Speriamo ora.

      Elimina
    6. Secondo Peter Gomez giornalista de "il fatto quotidiano" investendo 10 miliardi in banda ultra larga per internet veloce ne produrrebbe 55 miliardi €. Cosa ne pensa?

      Elimina
    7. Non ho informazioni sul tema. Nel corso di vari anni, può essere.

      Elimina
  5. Con 1 piano per l indipendenza energetica prima usando i nostri combustibili fossili poi con la costruzione di centinaia di migliaia di centrali geotermiche a bassa entalpia risparmieremmo dai 70 ai 110 miliardi annui e azzereremmo la disoccupazione.

    RispondiElimina
  6. Vedo che non parlano più di Minibot . Con il termine del Quantitative Easing...non vedo soluzione se non i Minibot (sui quali hanno steso un velo di silenzio) ma non basta ci vogliono anche i CCF....
    Se è strategia ed hanno intenzione di introdurre il tutto (come programma almeno per quanto riguarda i Minibot assolutamente insufficienti )...va bene ..se hanno deciso di metter da parte la facenda (Tria mi da quell'impressione )...beh allora...non so...ecco…

    Sempre salvo non sia strategia nella difficile partita a scacchi con quelli di Bruxelles , diversamente devo dir la sincera verità molti fruitori di un certo discorso, (tra cui io ) , si stanno incominciando ad infastidire dinanzi alle ripetutte affermazioni dell'ottimo Paolo Savona (come spessore e preparazione ) nell'affermare ad ogni pie sospinto che bisogna rafforzare l'Europa intesa come UE e l'Euro …(se non è strategia ) la faccenda sta incominciando a stancare. Ma ancora si crede agli Stati Uniti d'Europa...anche se dovessero accontentarci piegando la Germania ed rinunciando all'austerità imposta...vorranno in cambio altro: l'esercito europeo ed tante altre belle cose...cosi come si son serviti della sinistra per ottenere tante cose mi sta venendo il dubbio che si stiano servendo di certo "sovranismo" disposto a trattare per completare il lavoretto. Ci daranno molto di quello che chiediamo e poi ci ritroveremo con gli Stati Uniti d'Europa e con la perdita totale della sovranità . E con una BCE prestatrice di ultima istanza però separata dal potere politico , non è che cambi molto in quanto a mancanza di democrazia. Sto incominciando a sentir puzza di bruciato sia per il Savona che per il Tria. E trovo enormi contraddizioni tra cio che dice Savona e cio che ha detto per anni il silente Bagnai. Non c'è mercato comune senza moneta unica ? come dice Savona ? ma è l'opposto di cio che diceva Bagnai. Ormai da un po non possiamo accennare al discorso di Bagnai perché ci zittiscono…...e ci mettono in evidenza la "vistosa" contraddizione.
    Come si fa a far gli Stati Uniti D'Europa (e Savona vuole questo ) tra popoli cosi diversi ...senza gli inglesi e con i Francesi e Tedeschi sche son quel che sono ? ma non scherziamo…….c'è qualcosa che non va. Stanno incanalando certe istanze sovraniste (giuste) per indurci a cedere totalmente la sovranità. Sento odor di fregatura…….

    Diversa cosa se si ritorna alla fase di collaborazione pre Trattato di Mastrich. Savona , al netto del prestigio , sta incominciando a non piacere a tanti….(salvo la sua non sia strategia tattica….ma questo ripetere e straripetere che bisogna rafforzar l'UE e l'Euro...sta incominciando a dar fastidio )

    Tolgono il QE? ma come fa a reggere il sud Europa ? e perché si è totalmente messo da parte il tema Mini Bot (insisto non sufficiente se non accompagnato dai CCF...proprio come tampone alla mancanza di QE)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch’io ho molte ansie, salvo appunto che le dichiarazioni di questi ultimi giorni siano puro tatticismo. In poche settimane, o al massimo mesi, constateremo come stanno le cose, comunque.

      Elimina
    2. Io appartengo alla categoria di "persone comuni" conosco l'argomento perché più o meno leggo regolarmente tutta una serie di blog , da questo, a goofynomics, cobraf, orizzonti 48 di L B Caracciolo ,etc etc .ho letto accuratamente il Suo Libro sui CCF , i due libri di Bagnai etc etc..sono in grado di affrontare (con molti limiti ) l'argomento ..ma non ho "spessore" per ovvi motivo (non sono armato come potete esser voi che siete economisti )...e sinceramente sia nei forum che nel reale mi sparano cio che ho espresso nel precedente post..io giustifico il tutto dicendo che è "tattica " (ma non ne son mica tanto sicuro ).

      Io non vedo altro come soluzione (e come atto di guerra con "loro" perché ci vuol una buona dose di coraggio comunque ad introdurre i MiniBot e poi eventualmente i CCF (loro non ne accennavanao...ma mo hanno tolto dal discorso anche i minibot ..non ne parlano proprio soprattutto da Tria in poi ). Tolto il Quantitative Easing anche se con il meccanismo che i tassi resteranno bassi concluso il QE...a me , nei limiti delle mie conoscenze economiche molto superficiali, è evidente che è un inizio di "guerra " da parte di Bruxelles e non penso che esclusi i MiniBot (non sufficienti ) e i CCF possano attuare il loro programmi (che diventa veramente un libro dei sogni , in tal caso )...in tal caso vuole dire che trattasi di Neo Tsipras. Cioè niente di nuovo sotto il sole. Mi rifiuto di credere che Barra Caracciolo , Bagnai, Borghi...accettino questo….però tutto è possibile. Tria a me non piace..e Savona mi lascia perplesso . E' una mia considerazione : non è necessaria una Sua risposta.

      Spero di aver sbagliato tutto: ma sento odore di ulteriore e decisivo passo verso gli Stati Uniti d'Europa. (il modus operando di Giovanni Tria e di Savona è quello …l'UE potrebbe cambiar tattica ed accontentarci, poi però non potremo rifiutare un unione politica impossibile: ma ancora è possibile credere ad un europa unita sol nazione con 80 milioni di tedeschi ? ma dico...l'Europa non è "melting pot" come gli Stati Uniti...e a blocchi ...vorrei sapere come si fa una sol nazione con un intero popoli a blocchi che si disprezzan a vicenda...ma si pensa veramente che si possa far qualcosa con i Francesi e i Tedeschi?...per far una sol nazione bisogna amarsi , che ci sian affinità ...ed io non ne vedo . Che errore si sta facendo...ma che errore…

      Savona dice che non c'è mercato unico senza moneta unica...e lo dice e ripete e ripete...e ripete ancora...e che l'euro è indispensabile...e che bisogna rafforzarlo...mah ..boh...son perplesso

      Se non introducono i mini bot e i CCF questi ci stanno fregando. (sempre mio parere )

      Buon lavoro. (non smetta di sollecitare ed insistere )

      ps : non è necessario rispondere: è uno sfogo mio….


      Elimina
    3. Mi limito solo a un’osservazione: gli Stati Uniti d’Europa non li vuole nessuno, primi tra tutti i tedeschi...

      Elimina
    4. Primi fra tutti gli USA.

      Elimina
  7. La penso come lei riguardo al fatto che i tedeschi non vogliano gli Use.. ma allora perché l'avv. Mori insiste invece nel sostenere il contrario e che in realtà cederanno anche loro alla fine sotto pressione Usa? So che vi conoscete con Mori.. ma secondo lei gli Usa che cosa vogliono? Un'europa federale o gli basta la nato? Credo cmq che l'assetto attuale Trump non lo voglia affatto. È tutto molto complesso ci sono forze opposte tra le oligarchie. Difficile dire chi la spunterà.. Per ora pare Trump stia vincendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli USA hanno promosso l’integrazione europea in chiave antisovietica, ma si parla di 50 o 60 anni o fa. Oggi si dividono tra negativi e preoccupati che la modifica dello status quo avvii dinamiche imprevedibili. A favore degli USE oltreatlantico non vedo nessuno di importante.

      Elimina
  8. Lo stato ha un patrimonio immobiliare che vale 350 miliardi con riforma catastale sui valori di mercato triplicherebbe e vendendo anche i terreni arriviamo a 1000 miliardi € ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché (ammesso di riuscire a effettuare cessioni di quelle dimensioni e ottenendo quei prezzi) dovremmo spossessarci di beni pubblici quando possiamo emettere moneta nazionale ?

      Elimina
    2. Bene i CCF ma se possiamo far soldi anche in altri modi perche' non farlo?

      Elimina
    3. Se possiamo cedere beni pubblici che altrimenti non utilizzeremmo, a un prezzo favorevole o almeno equo, OK. Ma in situazione di economia depressa si vende male tutto.

      Elimina
    4. Oltre ai CCF lei cosa consiglia per rianimare l' economia italiana? Piu' investimenti in ricerca?

      Elimina
    5. Far ripartire gli investimenti pubblici e le assunzioni su sanità, ordine pubblico e tutela del territorio, abbassare il cuneo fiscale, e sostenere i redditi dei ceti sociali disagiati.

      Elimina
    6. Incidenti sul lavoro costano 50 miliardi € annui cosa fare per contrastarli? Decuplicare i controlli?

      Elimina
    7. Più domanda, più crescita, più redditività per le imprese, ripresa degli investimenti vogliono tra l’altro dire attrezzature più aggiornate e mediamente migliori anche sotto il profilo antinfortunistico.

      Elimina
  9. Ci sono 145 miliardi € di polizze assicurative sulla vita non riscosse quando potra' farlo lo stato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa mi giunge nuova. Non mi pare che spetti allo Stato, comunque.

      Elimina
    2. Dopo un certo periodo spetta allo stato secondo la legge.

      Elimina
  10. E se i CCF li facessero i tedeschi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda ricorrente. Non è un problema. Vedi il post del 12.12.2017.

      Elimina
  11. La corruzione e' grande. Cosa ne pensa dell'agente pubblico provocatore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho opinione. A istinto mi pare che potrebbe dare dei risultati. Ma come per l’evasione fiscale, non è il contrasto alla corruzione (giusto e necessario) la chiave per sbloccare l’economia.

      Elimina
    2. A no? Tra evasione e corruzione mancano quasi 400 miliardi € allo stato con cui abbassare le tasse ed eliminare la poverta' e il debito pubblico.

      Elimina
    3. Ammesso che le cifre siano quelle (e non lo credo) sono riallocazioni, non soldi in più. È da una crisi di domanda con le riallocazioni non si esce. Vedi post 14.10.2016.

      Elimina
    4. Evasione fiscale 270 miliardi € fonte Eurostat + 100 di corruzione dilagante alla faccia delle riallocazioni?!

      Elimina
    5. Stime di plausibilità nulla. E la ricetta per recuperare anche solo un decimo di quelle cifre io non l’ho - ma credo nessuno...

      Elimina
    6. Allora l'Eurostat fa stime di plausibilita' nulla ?

      Elimina
    7. Lei e' a favore della pace fiscale ( condono ) ?

      Elimina
    8. Quella mi sembra un’idea valida - non è un condono nei confronti di chi ha evaso, ma di chi ha dichiarato ma non è in condizione di pagare. Però non darà decine di miliardi di gettito come sostiene Siri. Al massimo 5, più probabilmente un paio.

      Elimina
  12. la moneta fiscale è una sorta di riciclaggio di un qualcosa che gia esiste ed è contabilizzato....e diventa un pegno fiduciario monetizzabile e comunque dovrebbe essere incentivato per gli investimenti:


    per farla semplice
    con la moneta fiscale si potrebbe saldare il debito della PA verso i fornitori,che a loro volta otterrebbero ,attraverso questo" pegno fiduciario" sconti fiscali..a loro volta trasformati, all'occorrenza, in sonanti euro...o scambiati con merci di eguale valore,per altre forniture e relative attività di competenza..

    con la moneta fiscale si potrebbero finanziare opere indispensabili quali le ristrutturazioni delle scuole a rischio sismico e di tutti quegli edifici pubblici che non sono a norma ed in perenne rischio terremoto.

    con la moneta fiscale si potrebbero finanziare le attività dell'ANAS in primo luogo le buche sulle strade di roma di sua competenza o addirittura lavori di ampliamento nelle migliaia di km di mulattiere risalenti all'epoca fascista e mai ammodernate..per cui in Italia se si vuole viaggiare senza bestemmiare occorre pagare il pegno liberista alle autostrade-1-

    con la moneta fiscale si potrebbero restaurare tutti i monumenti che raccontano della nostra storia e sono abbandonati, lasciati marcire per incuria e soprattutto mancanza di danaro..

    con la moneta fiscale si potrebbero remunerare carcerati ed immigrati e disoccupati che dislocati su tutto il territorio nazionale( ma soprattutto in centrosud) raccolgono le immondizie abbandonate nelle strade,nelle vallate nelle spiagge nei boschi di questo fantastico paese che se solo vorremmo può tornare ad essere il GIARDINO D'EUROPA.

    e invece di costruire e gettare nuovo cemento,recuperare gli immobili in disuso,cambiare la destinazione d'uso di arie industriali abbandonate e riadattarle alle necessità odierne...anche ad uso abitativo, purché si metta uno stop alla cementificazione...sviluppare quelle aree rurali che si stanno riconvertendo al biologico creando dei poli produttivi e distributivi sia a km zero e sia in aree piu ampie attraverso l'aggregazione delle filiere a partire dalla creazione di marchi certificati fino alla distribuzione nei supermercati
    sia nazionali che esteri.

    Con la moneta fiscale non vi sarebbe la necessità di reddito di cittadinanza poiché tutti avrebbero piu possibilità di occupazione...
    (comunque garantire un reddito agli "sfaticati" specie quelli sindacalizzati è preferibile ..anzi obbligatorio, perché guai far lavorare chi "trajuva"..meglio pagare uno sfaticato per non lavorare, piuttosto che occuparlo e farlo lavorare per dispetto...)-2-
    Ma quali sono però gli svantaggi della moneta fiscale?
    Praticamente si dovrebbe rinunciare a chiedere prestiti per finanziare i lavori pubblici o comunque le varie iniziative che si progettano.
    E quindi non avendo necessità di chiedere prestiti viene meno anche l'obbligo di pagare interessi ed ovviamente restituire il debito.

    Ecco cosa non va della moneta fiscale:
    è esente da strozzinaggio e mercanteggio anche politico.
    e per questa ragione difficilmente la moneta fiscale si adotterà.

    -1-che boiata controsenso la "liberalizzazione" delle autostrade, come se in Italia avessimo possibilità di scelta su quali strade inforcare!!!
    -2-parlo per multiennale esperienza personale.. dal venire alle mani con un sindacalista che voleva obbligarmi a non lavorare la domenica e peggio ancora aver rischiato il licenziamento (e multa al datore di lavoro)per aver lavorato 17 ore continuate ed aver timbrato il cartellino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi difende il sistema attuale, consapevolmente o meno difende l’usura...

      Elimina
  13. Rendere il denaro solo tracciabile come in Svezia e tassare il contante contro evasione e corruzione ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meccanismi di controllo che a istinto non mi piacciono. E ripeto: evasione e corruzione NON SONO la causa dell’attuale crisi. C’erano prima dell’euro e non hanno mai impedito all’Italia di crescere quanto se non più della media UE15.

      Elimina
    2. Quali sono secondo lei le cause della crisi?

      Elimina
    3. Vedi post del 27.1.2013 - il primissimo del blog...

      Elimina
    4. Riassumendo in poche parole?

      Elimina
    5. Suvvia, il post non è molto lungo e mi permetto di dire che è scritto abbastanza bene... lo legga :)

      Elimina
  14. Se si coinvolgesse le assicurazioni nella sanita' pubblica per diminuire gli sprechi lei e' d'accordo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, totalmente contrario. La sanità USA a gestione privatistica costa il doppio di quella italiana, con qualità del servizio enormemente peggiore.

      Elimina
    2. Non dico privatizzare la sanita' rimane pubblica lo stato paga le assicurazioni su cui vengono scaricati i costi allo stesso tempo le assicurazioni hanno il compito di vigilare che non si rubi piu' s'abbassano i costi e migliorano i servizi piu' lo stato come da contratto paga premi alle assicurazioni. Funzionerebbe ?

      Elimina
    3. No, perché le assicurazioni rifiutano di coprire i rischi più gravi e peggiorano la qualità del servizio perché - ovviamente - puntano all’utile più che a qualsiasi altra cosa. Mi creda, il modello italiano è il più efficace e bisogna smettere di togliergli risorse finanziarie (anzi, al contrario).

      Elimina
  15. Ci sono sociologi che consigliano lavorare meno lavorare tutti come in Germania.E lei?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio riportare nell’economia italiana il livello di domanda che consente a tutti di lavorare a tempo pieno e con retribuzioni che permettono un’esistenza dignitosa. Il lavoro part-time può essere una scelta ma non deve diventare una necessità.

      Elimina
  16. Abbiamo regalato 5 miliardi annui all'Ue per 18 anni totale quasi 95 miliardi € adesso basta ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. “Basta” richiede di uscire dalla UE. Non so se si arriverà a un consenso politico per quello. Nel frattempo uscendo dagli eurovincoli, possiamo cofinanziare più facilmente i progetti, utilizzare in misura maggiore i fondi di nostra competenza e quindi ridurre l’esborso netto a nostro carico.

      Elimina
  17. 1 solo porto olandese fa piu' soldi di tutti gli italiani messi assieme. Come fare meglio ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo probabile che le rotte commerciali mediterranee possano diventare più importanti rispetto a quelle nordatlantiche. Meglio comunque si può fare sostenendo gli investimenti e detassando il costo del lavoro: e i CCF lo consentono.

      Elimina
  18. Tassare alcol,bevande gassate e sigarette molto di piu'?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché vuole a tutti i costi tassare di più qualcuno ? Non ne esiste alcuna ragione.

      Elimina
  19. Dobbiamo pur trovare soldi da qualche parte o no ? :) Annettiamo il Vaticano ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I soldi ? Basta emetterli nella misura appropriata. Questo blog parla appunto del COME. Vedi presentazione al post del 24.5.2018.

      Elimina
  20. La Nato e le sue guerre ci costano 30 miliardi annui cosa dobbiamo fare per uscire dall'Impero USA votare tutti per il PCI ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se uscissimo dalla NATO i 30 miliardi li dovremmo spendere lo stesso, anzi probabilmente di più...

      Elimina
    2. E perche' nascerebbe una nostra industria degli armamenti.

      Elimina
  21. Perche' la ricchezza privata italiana e' cosi' grande ? Considerando anche gli immobili dopo la riforma catastale sui valori di mercato arriviamo a 22 mila miliardi piu' di 10 volte il debito pubblico ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh adesso… le stime massime che ho visto io arrivano a 8.000. Che sia alta comunque non dovrebbe stupire, perché il debito pubblico E' risparmio privato - come ben sa chi segue questo blog: vedi post del 21.5.2017.

      Elimina
  22. 8000 senza considerare che abbiamo un catasto del 1936 altrimenti triplicano lo sa vero ? La nostra ricchezza privata e' inferiore forse solo a quella cinese che pero' hanno 1 miliardo 360 milioni di abitanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, gli 8.000 erano stimati sulla base dei valori correnti degli immobili. Anzi, se i prezzi non recuperano c'è il rischio che siano un po' di meno.

      Elimina
    2. E' stato dimostrato che i valori triplicano con valori sui metri quadrati anziche' sui vani e con i valori anche le tasse per questo i governi non la fanno; lo sa ?

      Elimina
    3. No, mi risulta invece che gli 8.000 recepiscono valori immobiliari aggiornati (e probabilmente oggi più probabilmente sopravvalutati che viceversa).

      Elimina
    4. Allora Il Sole 24 Ore che dice che dopo la riforma del catasto valori e tasse triplicano, si sbaglia ?

      Elimina
    5. Immagino Il Sole24Ore si riferisca al fatto che la riforma ha aumentato i valori IMPONIBILI, che non corrispondevano e non corrispondono (né prima né dopo) ai valori di mercato.

      Elimina
    6. VALORI IMPONIBILI tradotto che vuol dire ?

      Elimina
    7. Ne e' certo ?

      Elimina
    8. Valori imponibili = quelli a cui si applicano le aliquote IMU, TARI ecc.

      Elimina
    9. Ma i CCF sono meglio di una seconda moneta parallela ?

      Elimina
    10. Sono la maniera (a mio parere) più semplice ed efficace per introdurre un titolo che svolge le funzioni fondamentali richieste a una moneta nel contesto attuale (intermediario di scambio e riserva di valore) e soprattutto per restituire allo Stato la possibilità di sviluppare le necessarie politiche economiche.

      Elimina
    11. Lei mi sembra una persona in gamba non l'hanno chiamata al ministero dell'economia ?

      Elimina
    12. No. Forse dovevo mandare il CV :) ...

      Elimina
  23. Aaaaaaah ma accetterebbe un eventuale incarico o sbaglio ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualunque cosa mi consenta di dare un contributo fattivo...

      Elimina
    2. A quando il prossimo post ?

      Elimina
    3. Presto, come vede ogni pochi giorni ne pubblico uno ;)

      Elimina
  24. Il debito pubblico e' risparmio privato per questo la ricchezza privata giapponese e' grande quanto il debito che e' al 240% ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si’, perché il Giappone non ha deficit commerciali, quindi il debito pubblico ha alimentato risparmio privato INTERNO.

      Elimina
  25. Ma Craxi l'hanno fatto fuori gli USA ? Lei e' filo-americano ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Craxi indubbiamente dava fastidio ad alcuni importanti interessi esteri, ma non solo, o prevalentemente, USA. Sono io filoUSA ? Come potenziale paese leader dal punto di vista italiano tutti gli altri mi sembrano peggio.

      Elimina
  26. Non le piacciono Russia e Cina ? Ci stimano molto di piu'. O no ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sotto l’ombrello USA siamo stati bene per 50 anni. Quando siamo in parte passati sotto quello eurotedesco, molto peggio. La Russia non pesa abbastanza economicamente per essere un paese leader. La Cina è un’incognita.

      Elimina
  27. L'Italia da sola e' impossibile ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per saperlo bisognerebbe provare. Nel dubbio, sto nella NATO ;)

      Elimina
  28. Esistono paesi poco indebitati che hanno grande ricchezza privata ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricchezza privata può essere alta se lo Stato è poco indebitato a condizione che i deficit statali siamo stati finanziati con moneta (e non primariamente con debito); oppure che il paese abbia avuto grossi surplus commerciali.

      Elimina
  29. Il popolo italiano dopo tutto quello che ha dato al mondo e quello che ha inventato e' potenzialmente probabilmente il migliore ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il migliore magari no, ma in grado di gestirsi facendo molto meglio di quando - come oggi - segue ricette altrui, senz’altro.

      Elimina
    2. Perche' non il migliore ? Perche' siamo pochi(60 milioni) ?

      Elimina
    3. Sono bravi anche gli altri (alcuni) :) non è importante se siamo un po’ meglio o un po’ peggio, è FONDAMENTALE andare al massimo delle nostre potenzialità.

      Elimina
  30. Ma se usciamo dall'€ la nuova moneta si svaluterebbe e di quanto ?

    RispondiElimina
  31. All'Anonimo 19.6.2018 h 12.10: una stima plausibile è che l'euro (senza l'Italia) si assesterebbe a 1,30 contro dollaro, e la Nuova Lira alla pari col dollaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi la nuova Lira varrebbe quanto il Dollaro ?

      Elimina
    2. E' un'ipotesi plausibile, sì.

      Elimina
    3. Quasi quasi ci converrebbe uscire dall'€ ?

      Elimina
    4. Il problema dell'uscita è la complessità tecnica e la difficoltà di creare il necessario consenso politico. Il motivo per cui ho sviluppato e promuovo il progetto CCF è appunto costituito dalla consapevolezza di queste difficoltà. Ma non mi spaventerebbe certo la svalutazione della Nuova Lira.

      Elimina
    5. C'e' chi dice che si svaluterebbero i risparmi e dovremmo rimborsare i tedeschi e le importazioni costerebbero molto di piu'? E' vero ?

      Elimina
    6. In presenza di livelli di sottoutilizzo delle risorse produttive pesanti come gli attuali, la svalutazione non ha alcun impatto rilevante sull'inflazione - vedi post del 11.7.2.2013. Quindi il risparmiatore italiano non perde nulla, anzi guadagna se ha investimenti in valuta estera.

      Elimina
    7. "Rimborsare ai tedeschi" cosa ? non c'è nessun finanziamento da Germania a Italia.

      Elimina
    8. Quanto alle importazioni, il maggior costo dell'import che non possiamo sostituire con produzioni interne (principalmente le materie prime, che peraltro si pagano in dollari) è più che compensato dal guadagno sull'export (e anche dal recupero di quote di mercato interno oggi servite da importatori di prodotti finiti).

      Elimina
    9. Non siamo indebitati anche coi tedeschi ?

      Elimina
    10. No. Ovviamente ci saranno alcuni risparmiatori e fondi che hanno comprato BTP, così come ci sono risparmiatori e fondi italiani che hanno comprato Bund. Ma finanziamenti dallo stato tedesco allo stato italiano non ce ne sono.

      Elimina
    11. L'inflazione fa bene come fa a mangiarsi il debito ?

      Elimina
    12. Se lo "mangia" se i tassi d'interesse reali diventano negativi. Ma la strada migliore, e la cosa più importante (anche dal punto di visto di abbassare il rapporto debito / PIL) è l'occupazione, ovvero far lavorare il sistema economico al massimo delle sue capacità. Vedi quanto diceva JMK come citato al post del 3.2.2013.

      Elimina
  32. La prescrizione nei processi per corruzione e' da eliminare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse da allungare, eliminare mi sembra insensato. Però qui siamo al di fuori del mio "circolo di competenza"...

      Elimina
  33. Un unico grado di giudizio per i processi come negli USA per risparmiare tempo e soldi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema non è lì. Ma poi veramente in USA c'è un grado unico ? l'appello e la cassazione (corte suprema) esistono dappertutto, no ?

      Elimina
  34. Si ma i processi durano molto meno e noi perdiamo 96 miliardi di mancata produttivita' annui per la giustizia inefficienta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembrano numeroni. Comunque sono tutte cose valide ma non risolutive di una crisi che ha altre cause (insufficiente circolazione di potere d'acquisto all'interno dell'economia).

      Elimina
  35. Sono dati delle imprese disoneste ?

    RispondiElimina
  36. Sono dati Unimprese un'associazione delle imprese.

    RispondiElimina
  37. Con moneta sovrana Italia esporterebbe piu' della Germania ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma potrebbe rilanciare la domanda interna, e compensare con maggiori esportazioni nette di prodotti finiti il conseguente incremento di import di materie prime e di prodotti non sostituibili con produzioni interne.

      Elimina
  38. Negli ultimi 20 anni e' vero che l'avanzo primario italiano e' migliore di quello tedesco ? E coi ccf di quanto si possono abbassare le tasse ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Siamo l'unico paese dell'Eurozona che NON E' MAI STATO IN DEFICIT PRIMARIO da quanto esiste l'euro.

      Con i CCF l'impulso fiscale positivo può raggiungere i 100 miliardi annui, da suddividere tra maggiori spese (incluso per investimenti) e minori tasse.

      Elimina
  39. Ci fregano gl'interessi sul debito ? Cosa fare merito ?

    RispondiElimina
  40. Germania 55 milioni popolazione attiva lavoratrice Italia 28 milioni la Germania ha 60% di PIL superiore con Italia in piena occupazione quanto potrebbe recuperare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno un 10% in tre anni, non escludo anche il 20% in 4-5.

      Elimina
  41. Quali conseguenze per Argentina dopo fallimento del '99 ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del 2001. Dopo il default è ripartita. Con Macri invece ha ripreso a indebitarsi in dollari, e adesso di nuovo sta negoziando l'intervento del FMI...

      Elimina
  42. Cosa dovrebbe fare l Argentina anziche' indebitarsi ?

    RispondiElimina
  43. Emettere ccf dovrebbe fare l Argentina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’Argentina ha la sua moneta quindi non le servono i CCF, è però ricaduta nell’errore di emettere massicciamente debito in dollari. Non so se potranno evitare un nuovo default sul debito estero.

      Elimina
    2. Pero' gli e' stato accordato un nuovo prestito di 50 miliardi di dollari dal fmi perche' gli presta soldi l fmi ?

      Elimina
    3. Perché il FMI ha sempre fatto quello: presta soldi agli Stati per rimborsare i creditori esteri, e poi li spinge ad adottare politiche che deprimono l’economia. Stessa strategia utilizzata nell’eurozona - con l’aggravante, in quest’ultimo caso, dell’imposdibilita di svalutare.

      Elimina
  44. Abbiamo patrimonio pubblico immobiliare e terreni pari a un valore di circa 500 miliardi € come farli fruttare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Venderli, affittarli, darli in sfruttamento commerciale o turistico: tutte cose che caso per caso possono essere appropriate. Ma DOPO che l'economia è ripartita, se no li svendi.

      Elimina
  45. TUTTO PERFETTO! DOMANDE INTELLIGENTI RISPOSTE COMPETENTI, ALCUNI SFIDUCIATI, ALTRI INCERTI O/E INCREDULI....IO NON OSO COMPETERE CON VOI, HO DOVUTO STUDIARMI TESTI DI ECONOMIA, ASCOLTARE VIDEO DI ECCELLENTI ECONOMISTI...LA MIA CULTURA E CLASSICA CON UNA LAUREA SCIENTIFICA...PER NIENTE AMATA NE TANTO MENO PROFESSATA..INFATTI LAVORO NELLA MUSICA CLASSICA...PERO' VI CHIEDO: QUANDO SI ESCE DALL'EUROPA ORGANIZZAZIONE CRIMINALI INMANO AI CRIMINALI AFFAMATRICE DI POPOLI E DA QUESTA INUTILE INETTA MONETA CHIAMATA EURO? QUANDO SI METTERA' FINE A QUESTA FARSA ??? ATTALI, MOSCOVICI, SOROS, I VARI DRAGHI NOSTRANI, MACRON ...POVERO MACRON....COSTUI NON FA TESTO I TEDESCHI COME LA FRANCIA E COLONIA ROMANA E SE SEI STATA COLONIA ROMANA LO SARAI SEMPRE...E' COME UNO SCHIAVO CHE DIVENTA RE....E' PUR SEMPRE UNO SCHIAVO...COMUNQUE TUTTI CONTRO L'ITALIA A TUTTE QUESTE COMPARSE.... NON PIACE QUESTO NUOVO GOVERNO...E VORREBBERO ABBATTERLO IERI, NON DOMANI....URGE VERAMENTE LA FINE...E' DURATO ANCHE TROPPO!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una partita a scacchi complessa, ma credo che parecchie mosse giuste si siano fatte. Ne servono altre, continuiamo a giocarcela...

      Elimina