venerdì 29 giugno 2018

Moneta Fiscale per rimettere in moto l'economia


Il nuovo governo M5S – Lega deve affrontare con la massima determinazione i gravissimi problemi che affliggono l’economia italiana. Nonostante nel 2017 abbia fatto registrare una crescita dell’1,5%, il PIL reale (corretto per l’inflazione) è stato ancora inferiore di 100  miliardi ai livelli del 2007 – dieci anni prima ! E i segnali attuali sono di rallentamento.

Le persone in povertà assoluta hanno superato i cinque milioni (da 1,7 nel 2007). Solo tassi di crescita ben più sostenuti possono avviare una vera ripresa dell’occupazione e delle condizioni economico-sociali di vasti segmenti della popolazione.

Una situazione irrisolvibile ? non sulla base della proposta elaborata da un gruppo di ricercatori, tra cui l’autore del presente articolo – Marco Cattaneo – insieme tra gli altri a Biagio Bossone, Massimo Costa e Stefano Sylos Labini.

Si tratta di introdurre un nuovo strumento finanziario, i Certificati di Credito Fiscale (CCF): titoli da assegnare gratuitamente a una pluralità di soggetti – lavoratori, aziende, pensionati, disoccupati, fornitori del settore pubblico.

Un CCF permette di ridurre pagamenti futuri dovuti alla pubblica amministrazione, per qualsiasi causale (tasse, imposte, contributi, tariffe, ticket sanitari). In pratica sono diritti a sconti fiscali futuri.

Il titolare può monetizzarli in anticipo: un CCF emesso oggi, e utilizzabile come sconto fiscale a partire (ad esempio) dal 2020, ha valore fin da subito. E’ infatti negoziabile e trasferibile, e avrà un prezzo di mercato pari al valore facciale (lo sconto fiscale usufruibile alla scadenza) al netto di un modesto fattore di attualizzazione che incorpora l’effetto del differimento.

Molto probabilmente, si diffonderà anche l’utilizzo diretto dei CCF come corrispettivo di compravendite di beni e servizi. I CCF costituiscono una vera e propria forma di “Moneta Fiscale”, integrativa rispetto all’euro.

Peraltro, non essendo una moneta ad accettazione obbligatoria (ma negoziata e transata liberamente dalle parti, su base volontaria) i CCF non ledono il monopolio della BCE. L’euro rimane la moneta legale e l’unità di conto per i bilanci pubblici e privati.

Emissioni di CCF che crescono gradualmente fino a 100 miliardi annui nel giro di tre anni possono produrre una forte ripresa del PIL, a ritmi intorno al 3% annuo.

La crescita inoltre aumenta il gettito fiscale lordo, compensando gli sconti ottenuti, a scadenza, dai titolari dei CCF. Il maggior denominatore riduce il rapporto debito pubblico / PIL, e la differenza tra spese e incassi pubblici annui (in euro) cala a zero.

Le assegnazioni di CCF andranno, inoltre, in parte alle aziende, in funzione dei costi di lavoro sostenuti. Questo riduce il costo del lavoro effettivo, migliora la competitività ed evita che la ripresa squilibri i saldi commerciali esteri: la maggiore competitività consentirà alle aziende di esportare di più e di guadagnare quote di mercato interno nei confronti della concorrenza estera, compensando le maggiori importazioni dovute alla ripresa.

Si raggiungono così anche le finalità del Fiscal Compact. L’Eurosistema prevede che la BCE garantisca i debiti pubblici purché ogni paese s’impegni al pareggio di bilancio e a ridurre il rapporto debito / PIL. In pratica la BCE garantisce gli attuali livelli di debito, purché non si incrementino.

Ma i CCF non sono debito da rimborsare. Lo stato emittente si impegna solo ad accettarli a riduzione di pagamenti futuri. Nessuna garanzia è richiesta alla BCE: il valore dei CCF è assicurato dall’impegno di accettazione dello Stato.

Tutto ciò risolve le attuali disfunzioni dell’Eurosistema senza rompere la moneta unica, e senza che l’Italia debba chiedere maggiori garanzie o sostegni finanziari a nessuno. Non è necessaria la revisione di alcun trattato. L’Italia si rimette in moto semplicemente riassorbendo la disoccupazione e quindi utilizzando l’enorme potenziale inespresso della sua economia.


144 commenti:

  1. Da profano ho una domanda, forse banale, da porre...
    Ma se questi CCF possono essere impiegati per pagare tasse, imposte, contributi ecc., di fatto vuol dire che ogni impresa che ne beneficia, potrà trattenersi in cassa gli Euro che doveva utilizzare per questi pagamenti.
    Chi ci garantisce che questi Euro trattenuti non verranno tesaurizzati (o peggio utilizzati per acquistare Bund tedeschi) piuttosto che rilasciati nel circuito economico del nostro Paese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel caso delle imprese, i CCF vengono attribuiti in base ai costi di lavoro sostenuti, quindi riducono il costo del lavoro effettivo. Questo le rende immediatamente più competitive e permette loro di praticare prezzi più bassi e aumentare produzione e vendite a parità di margini unitari. L'impulso espansivo per l'economia viene da questo, non dal fatto che le aziende assegnatarie dei CCF facciano qualcosa di specifico con i CCF ricevuti.

      Ricordo poi che le aziende sono solo uno dei destinatari del progetto CCF. Li ricevono anche i lavoratori a reddito medio e - soprattutto basso, e sono utilizzabili per azioni di spesa sociale, nonché per finanziare investimenti pubblici. Tutti interventi che permettono incrementi di spesa e quindi di produzione e di occupazione.

      Elimina
  2. Se non ci fosse forza lavoro ferma i ccf non funzionerebbero !?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ci fosse forza lavoro inutilizzata, cioè se non esistesse disoccupazione massiccia, i CCF non servirebbero. Le politiche espansive della domanda servono semplicemente a riportare a regime un sistema economico che sta viaggiando a di sotto della sua velocità di crociera. I CCF sono il mezzo per effettuare questo tipo di politiche nell'ambito dell'eurosistema, dove i singoli paesi non possono emettere moneta legale (l'emissione di euro è monopolio BCE) e hanno limiti all'accrescimento del debito pubblico.

      Elimina
  3. Lei non parla pero' del meccanismo di fiducia tra cittadini e stato negli ultimi anni le tasse sono aumentate i cittadini crederebbero negli impegni irrevocabili dei ccf !!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Negli ultimi anni (che ormai sono una trentina…) le tasse sono sempre aumentate appunto perché si sono adottate politiche assurde prima per entrare nell'euro e poi per rimanerci. I CCF sono una svolta netta rispetto a queste politiche, per superare, finalmente, i vincoli dell'eurosistema.

      Elimina
    2. Ma i cittadini crederebbero a questi ccf o per paura non li userebbero ??

      Elimina
    3. Valgono quanto gli euro quando ci sono tasse da pagare. Una garanzia di valore migliore di questa, è difficile da ipotizzare...

      Elimina
    4. Capisco. Speriamo !!

      Elimina
  4. Quanti edifici ci sono in Italia ? Qualcosa di simile a 30 milioni ? Facciamo mediamente ipoteticamente una cifra di 75 metri quadri per edificio. Un impianto geotermico per 75 metri quadri costerebbe 10.000€ moltipicato per 30 milioni fa 300 miliardi perche' 10.000 x 30.000.000 = 300.000.000.000 !!?? Che ne dice i calcoli sono venuti bene !!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I conti tornano :) Ma sono sfruttabili tutti gli edifici o ci sono condizioni specifiche che si applicano ad alcuni e non ad altri ?

      Elimina
    2. Gli edifici sono sfruttabili quasi tutti; e' chiaro che in un paese come l'Italia con edifici stra-vecchi i costi lieviterebbero un po'; a circa 400 miliardi dovrebbe essere cosi !!??

      Elimina
  5. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2203680593194707&set=p.2203680593194707&type=3&theater

    Spero che funzioni il link.. se legge (ma penso lo sappia già) non credo troverà rassicurante il contenuto.. sono raccomandazioni per il def se non erro.. niente di definitivo ma se non useranno ccf o minibot. La vedo grigia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino siano le raccomandazioni della commissione UE. Cose che lo stesso Tria ha già dichiarato che sta rinegoziando. Certo, anch’io attendo con ansia di vedere i fatti.

      Elimina
  6. Cosa pensa in generale del Regno delle Due Sicilie socialmente economicamente ci sono ricerche che dicono che era piu' ricco del nord ma per colpa della moneta piemontese il tessuto economico meridionale si e' distrutto tra l'altro dicono che il nord ha rubato di tutto al sud sono ricerche realistiche !!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’impressione che mi sono fatto è che sia almeno in parte significativa vero. I Savoia hanno trattato il Sud come terra conquistata. Poi sono venuti i trasferimenti finanziari, che però hanno alimentato consumi e senso di dipendenza, non sviluppo sufficiente a colmare almeno in parte le differenze che si erano create con il Nord. Del resto la Germania Est dopo la riunificazione è una storia abbastanza simile.

      Elimina
    2. Quindi e' vero che il sud stava meglio del nord !? C'e' da dire che quando un popolo cade ma e' in gamba, si rialza i tedeschi dopo la seconda guerra mondiale era completamente distrutta ma si e' ripresa il sud dovrebbe fare lo stesso !?

      Elimina
    3. Ma la Germania (Ovest) aveva la sua moneta, ed una potenza egemone che ha preferito aiutarla a rialzarsi, in chiave antisovietica. Dopo la seconda guerra mondiale del resto si è rialzata molto bene anche l’Italia (nel suo complesso).

      Elimina
    4. Quindi il sud con una moneta diversa da quella del nord si riprenderebbe e' cosi importante la moneta !?

      Elimina
    5. Ma come ha fatto il sud a impoverirsi in 150 anni tutta colpa del nord ???

      Elimina
    6. Una moneta unica senza meccanismi di ribilanciamento usata da aree economiche disomogenee aumenta ke divergenze. Vedi post del 31.5.2013.

      Elimina
    7. Che dice la matematica!? Chi vince il mondiale !? Per me Svezia o Belgio !!??

      Elimina
    8. Mi piacerebbe :) ! Ma i bookmakers dicono Brasile o Spagna.

      Elimina
    9. Ma le agenzie di scommesse sono scontate troppo facile dire Brasile !? E comunque spesso sbagliano !!??

      Elimina
    10. Certo, possono sbagliare. E' quello che rende divertente la cosa :)))) prima dell'inizio dei Mondiali era favorita la Germania...

      Elimina
    11. Se lei dovesse dirne 2 sarebbero Brasile e Spagna !?

      Elimina
    12. Come probabilità sì. Come tifo dico Svezia anch’io.

      Elimina
    13. Sapeva che all'ospedale Bambino Gesu' di Roma per la prima volta al mondo hanno curato con successo un tumore solido con la terapia genica in precedenza gl'Americani c'erano riusciti su tumori liquidi anche stavolta gl'Italiani si dimostrano pionieri e primatisti !!! ???

      Elimina
    14. Privatizzare aziende come Tim fu sbagliato !!??

      Elimina
    15. Di sicuro non ha risolto niente. Più grave però privatizzare monopoli naturali, come Autostrade.

      Elimina
    16. Cerchi su Internet quanto vale il gioco d'azzardo vale 96 miliardi € solo quello legale e lo stato ne piglia solo 8 miliardi su 96 perche' far guadagnare i privati quando lo stato ne ha piu' bisogno !!?? E se lo nazionalizzassimo ???

      Elimina
    17. Sicuro che 96 non comprenda il clandestino ?

      Elimina
  7. Lo sa che il 40% della Stazione Spaziale Internazionale e' prodotta in Italia come anche il 25% della Stazione Spaziale Europea sono solo 2 delle nostre eccellenze niente male per un paese che equivale allo 0,9% della popolazione mondiale !!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altre notizie che non mi sorprendono...

      Elimina
  8. Allora s'e' informato sul gioco d'azzardo ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto è il margine netto per i gestori ?

      Elimina
    2. Quello che so e' che solo 8 miliardi su 96 se li prende lo stato il resto finisce tutto ai privati basta fare una ricerca su internet " Quanto vale il gioco d'azzardo ? " la faccia !?

      Elimina
    3. Il mio dubbio (da profano) è che rendendolo un monopolio statale molto si sposti sull’online e che non si riesca a tassarlo (l’online).

      Elimina
    4. Maah... La grande maggioranza del gioco d'azzardo non e' online che rappresenta una minima parte eppoi anche lo stato si puo' buttare sull'online e perseguire chi non fa pagare le tasse !!?? O sbaglio ??

      Elimina
    5. Il dubbio è che diventi tecnicamente difficile. Ma sto parlando senza cognizione di causa, bisogna trovare qualcuno che abbia studiato la questione in dettaglio.

      Elimina
    6. Corriere Comunicazioni dice 1 miliardo altri che vale il 15-20% il gioco online su 96 miliardi sono al massimo 20 miliardi ma poi se la maggior parte dei ludopatici e' malato non di gioco online ma di quello tradizionale difficilmente cambia metodi di gioco. Ah tra l'altro sa quanti danni sociali provoca il gioco: almeno per 30 miliardi € anche per questo andrebbe nazionalizzato !!??

      Elimina
    7. Le sigarette fanno malissimo e andrebbero tassate molto di piu' come anche alcol e bevande gassate. Ma il gioco d'azzardo porta molti piu' soldi !?

      Elimina
    8. 8-9 miliardi sono solo il Preu.Sul resto,poi,ci sono anche le imposte che pagano i concessionari e chi gestisce macchinette,le tabaccherie che fanno giocare,i dipendenti di concessionari,sale ecc ecc,i fornitori...Poi sul ricavato il 75% va in vincite ai cittadini,e anche li si pagano delle.imposte.Quindi é falso dire che tolti gli 8 miliardi del preu il resto vada ai privati.

      Elimina
  9. Ma quindi tutte le forze politiche conoscono il progetto CCF !?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si’, ne ho (anzi abbiamo, io e altri) parlato a tutti.

      Elimina
    2. E cosa hanno detto i cazzari politici ??

      Elimina
    3. Il governo precedente ha manifestato interesse e poi è stato insabbiato tutto. L’attuale, lo scopriremo nei prossimi pochi mesi...

      Elimina
  10. Con il ccf a regime che percentuale di deficit si potrebbe raggiungere? Il 10% ? In modo graduale o immediato? E che percentuale di crescita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un impulso Fiscale di 100 miliardi - 6% scarso del PIL - raggiunto gradualmente in tre anni si blocca completamente la crescita del debito e si porta la crescita del PIL al 3% reale per i tre anni medesimi, per poi stabilizzarsi intorno al 2%.

      Elimina
    2. Queste sono tutte sue ipotesi non confermate da nessuno.E non é per nulla certo che i ccf non violino i trattati

      Elimina
    3. E’ certissimo, tanto è vero che esistono già oggi molte categorie di non-payable tax credits non comprese nel Maastricht Debt - vedi post del 18.4.2018. Le ipotesi sono altamente plausibili. Ancora più plausibili e verificati sono i danni catastrofici dell’euroausterità, che qualcuno vorrebbe continuare a perseguire...

      Elimina
  11. Perche' i giornali parlano poco dei ccf e spesso ne parlano male !?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché i giornaloni paludati sono organi di propaganda la cui finalità, quando parlano di questi temi, è sostenere a oltranza, nonostante ogni evidenza contraria, la necessità / ineluttabilità del sistema economico-monetario attuale...

      Elimina
  12. Cosa fare per l economia greca ?? Oltre all uso dei ccf per renderla piu competitiva e il debito ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la conosco abbastanza per avere idee specifiche. È chiaro che l’uscita dai vincoli dell’eurosistema è fondamentale per la Grecia ancora più che per l’Italia.

      Elimina
    2. l'uscita dall'euro non risolve magicamente i problemi.Ci sono tanti paesi in difficoltá pur con la propria moneta.

      Elimina
    3. E guarda caso sono quelli con alti livelli di debito, pubblico o privato, in moneta estera: vedi Argentina e Turchia. Con l’euro TUTTO il debito diventa in moneta estera...

      Elimina
  13. Ma la Grecia con tutti i debiti in valuta estera € cosa dovrebbe fare dichiarare fallimento ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E riformulare il debito in moneta sovrana ma i creditori tra cui dovrebbe esserci l'Italia lo prenderebbero nel c... O sbaglio !!?

      Elimina
    2. Sicuro ? Il debito in dracme sarebbe ripagabile. Il debito in euro, secondo lei ?

      Elimina
    3. Non sarebbe ripagabile in € ma la Dracma si svaluterebbe !!??

      Elimina
    4. Si’, certo. Ma una svalutazione che riporta la moneta al suo valore corretto è solo utile.

      Elimina
    5. I risparmiatori/creditori ci perderebbero ???

      Elimina
    6. Meno rispetto a rimanere titolari di un credito non ripagabile.

      Elimina
  14. A proposito del debito greco.. ma è vero che la giurisdizione del debito ellenico è ora in mano alla City londinese? Sarebbero le famigerate Cac? Se non sbaglio diversi giuristi (e mi pare anche lei) dissero che non sono cmq vincolanti in maniera assoluta.. quindi alla fine conta sempre l'atto di imperio e la volontà politica, o no ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono le CAC nel caso greco, è proprio debito governato da contratti di diritto internazionale. Certo, il default rimane sempre una possibilità. Era di diritto internazionale anche il debito argentino nel 2001.

      Elimina
  15. Se la Grecia tornasse alla Dracma i creditori del debito greco ci perderebbero ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla carta si’, ma sarebbero certi del rimborso - cosa che oggi non sono.

      Elimina
  16. Ma cosa c'è di vero in questo ?

    http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13355707/consiglio-ue-spunta-super-troika-per-commissariare-paesi-che-sgarrano.html

    o è solo mistificazione dei giornali per creare confusione ? perché se è vero…..ecco....

    altro: ma sto Conte ci è o ci fa...non mi pare che abbia ottenuto grandi risultati per quanto riguarda il vertice europeo sull'immigrazione...pare che sia un pollo , che si presenta bene di buon look….ma pollo.

    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mistificazione: è quello che i tedeschi avrebbero voluto ottenere, ma è stato bloccato.

      Sull’immigrazione la situazione è semplice. Nessuno è obbligato a creare hotspot per accertare quali migranti hanno diritto allo status di rifugiati. L’Italia non lo farà e terra’ i porti chiusi alle ONG. E non si impegna a riprendersi i migranti “filtrati” in altri paesi, in particolare in Germania. Di più non si poteva ottenere: il massimo sarebbe stata la redistribuzione dei migranti già arrivati in Italia, ma era impossibile non ci sta nessuno.

      Elimina
    2. Basterebbe togliere i fondi europei ai paesi dell'est !!??

      Elimina
    3. Rischi che escano in massa dalla UE, a quel punto.

      Elimina
    4. Meglio. A che serve l UE ei paesi dell est servono ancora meno !!!

      Elimina
    5. https://www.youtube.com/watch?v=OtZ0bj99koo
      al punto 10:16 del video il Conte dice di aver bloccato le proposte perché "nocive" per l'Italia poi pero conferma di aver dopo lunga discussione accettato e firmato una sorta "fondo di garanzia" salvabanche o qualcosa del genere ...di poi cui lo accusa Vittorio Feltri in questo articolo…
      http://www.liberoquotidiano.it/news/opinioni/13355734/vittorio-feltri-ufficiale-giuseppe-conte-pollo-che-si-e-fatto-infinocchiare.html

      quel "fondo di garanzia di 10 miliardi di euro" si riferisce al fondo salvabanche…?



      non ci ho capito nulla. O sono fandonie che scrive Libero Quotidiano che sta diventando almeno per quanto riguarda la versione on line ..un giornalaccio scadente…

      non capisco: si fa un vertice per l'immigrazione e si stipulano accordi di altro genere per il settore bancario ...ma poi Conte ha dei consiglieri quando si fanno meeting delicati del genere? può mettersi in contatto con Salvini e Di Maio o altri tecnici ? Che conoscenze può avere in materia bancaria un giurista con sola esperienza universitaria ?? non capisco come sono organizzati questi meeting...possibile che non ci siano tecnici al seguito che suggeriscano di volta in volta...e vedano i "pericoli " e agguati .

      Se procede sempre in questo modo questo ci inguaia. O forse sono io che non ho capito il procedimento: io ero convinto che durante il confronto ci fosse al seguito come supporto dei tecnici esperti della materia da discutere. Mi sembra di capire che non è cosi. Mi sfugge qualcosa….

      Elimina
    6. La seconda parte del vertice era sulle proposte Franco-tedesche di riforma dell’eurosistema, e Conte era assolutamente preparato su questi argomenti. Tutti i punti potenzialmente pericolosi per l’Italia - ed erano parecchi - sono stati insabbiati. Feltri ormai è meglio lasciarlo perdere, fa un sacco di chiasso quasi sempre sulla base di fraintendimenti e disinformazioni, e comunque senza costrutto.

      Elimina
    7. Sono un altro anonimo ma le faccio una domanda già fatta sopra: Conte è sicuramente preparato ok. Ma quando va al Consiglio Eu è solo o ci sono dei tecnici con lui (es. Barra Caracciolo)? Giusto per capire come funziona. Grazie

      Elimina
    8. Certo, è sempre accompagnato da uno staff compresi ministri e sottosegretari, per le relative competenze. Inoltre la posizione da assumere in sede di consiglio UE, in particolare per quanto attiene le proposte Franco-tedesche sull’eurozona, è stata preventivamente discussa in parlamento.

      Elimina
    9. Grazie per la risposta. Restando un po' in tema ha letto Brunetta che ardore contro la proposta franco-tedesca? Ha sottolineato punto per punto le varie trappole che si celavano. È un bene che ci sia controllo anche dall'opposizione, solo fa un po' ridere il fatto che sia un po' altalenante nelle sue dichiarazioni.. esempio quando ha dichiarato che non bisogna far preoccupare i 'mercati'..

      Elimina
    10. Decisamente altalenante. Comunque che la proposta franco-tedesca sia un’assurdità che non risolve niente e nello stesso tempo crea ulteriori rischi e disfunzioni è chiaro a tutti, maggioranza e opposizione.

      Elimina
    11. Già è chiaro a tutti ma non oso pensare che sarebbe successo se ci fossero stati ancora Gentiloni e co al posto dei gialloverdi. Anche se ogni tanto mi balza al pensiero questo dubbio.. come mai negli ultimi 7 anni da Monti in poi (anche se di danni ne hanno fatti di enormi) non abbiano ceduto sovranità ad esm o altri crimini tipo giurisdizione debito a finanza esterna.. avrebbero potuto farlo ma credo che si rischiava la guerra civile

      Elimina
    12. Non sono passaggi così semplici da far accettare agli stessi partner dell’Eurozona. Per esempio utilizzare l’ESM per l’Italia vuol dire accettare condizionalita’ disastrose, ma per la Germania erogare finanziamenti con il rischio di non rivederli. E comunque si deve passare tramite una nuova fase di crisi sui mercati finanziari. Creare ad arte le condizioni per tutto questo non è semplice anche per chi, a livello UE e a livello delle loro quinte colonne italiane, ne avesse l’intenzione.

      Elimina
    13. Quello che non capisco è come mai allora la Germania abbia continuato a fare queste proposte capestro come l'ultima che Conte ha rigettato. Oppure quest'ultima non avrebbe avuto affatto costi per la Germania e distrutto solo noi ? Non ho ben capito si proponeva il FME o solo criteri assassini esbies su titoli di stato detenuti da sistema bancario?

      Elimina
    14. Avrebbe avuto costi, ma visto che Macron insisteva per un qualche tipo di sistema di trasferimenti e non gli si poteva o volere dire no su tutto, i tedeschi hanno accettato di formulare la proposta. Ma senza specificare gli importi e ponendo condizionalita’ pesanti - col risultato (che secondo me a loro va anche bene...) che altri paesi (in primo luogo l’Olanda) hanno bocciato i trasferimenti / finanziamenti, e l’Italia le condizionalita’. In sintesi: la proposta interessava solo a Macron e i tedeschi hanno ottenuto qualcosa che a loro è in definitiva gradito - insabbiarla senza esser loro a dirgli di no...

      Elimina
    15. Conte é ben poco preparato cosí come tanti ministri e sottosegretari.

      Elimina
    16. Io di Conte ho una buona opinione. Ma vedremo i fatti, nelle prossime settimane.

      Elimina
  17. In sostanza.. si continua a dare un calcio al barattolo senza scontentare nessuno.. ma intanto l'eurozona e l'austerità rimangono intoccate! Spero che governo si dia sta benedetta mossa e introduca ccf. Non vedo che problema ci sia e quali interessi dovrebbe scontentare. Se non lo fanno sono politicamente morti, specie i 5S.. Mah vediamo un po' che combinano ad ottobre.. di sicuro i minibot una tantum non risolvono granché per le pmi sarebbe ossigeno ma una tantum..

    RispondiElimina
  18. Italia fuori da ue !!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse fa prima a sparire da sola, la UE..

      Elimina
  19. Salve sono quello di ieri ho modificato la formazione della Nazionale rendendola piu' difensiva visti i tempi: 3-5-2 con Perin in porta in difesa Caldara Bonucci Romagnoli centrocampo a 5 De Silvestri Florenzi Jorginho Verratti Chiesa in attacco Bernardeschi e Insigne manca 1 punta ma secondo me possiamo fare a meno di Balotelli Immobile Zaza Cutrone e Belotti. Che ne pensa !???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Balotelli le sta proprio antipatico :) io, se come allenatore mi sentissi in grado di tenerlo in riga, lo porterei sempre. Il resto mi va bene.

      Elimina
  20. Balotelli titolare ??? Meglio Immobile Zaza Cutrone Belotti Politano e Verdi se lo meritano di piu'; sono molto piu' umili !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certi atteggiamenti non piacciono neanche a me. Ma non abbiamo tutti questi top players da poter lasciarlo fuori a cuor leggero...

      Elimina
    2. Nom e' un fenoneno al massimo e' da far giocare a 15' dalla fine cosi magari trova uno dei suoi fortunosi tiri da fuori o su rigore e ci fa vincere ma io non lo convocherei neanche !!!

      Elimina
    3. Ha visto Russia-Spagna ?? Meno che Italia-Spagna 2016 ma e' la dimostrazione che una squadra carica e motivata puo' far meglio di chi ha piu' tecnica Zaza e' piu' scarso tecnicamente ma piu' motivato di Balotelli !!!

      Elimina
    4. Non l’ho vista ma sul concetto sono d’accordo.

      Elimina
  21. http://www.ilgiornale.it/news/politica/bot-e-btp-solo-italiani-bufera-sulla-proposta-siri-1547348.html

    la proposta di Siri di emettere titoli solo italiani per italiani a rendimenti più alti è tecnicamente fattibile e conveniente ...o è come dice Brunetta che è un pazzia ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una cosa mal concepita, anche se sotto c’è l’intuizione che quello che va limitato è il debito su cui gli investitori istituzionali ti possono mandare in default. Ma la via giusta, anche sotto questo profilo, sono i CCF: non-defaultable securities, appunto...

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  22. Non capisco perché sia "calato il silenzio" sui Mini Bot (e anche sui CCF) ...non ne parlano proprio non ne accennano neanche NESSUNO. Eppure è nel programma...anzi addirittura era anche nel programma di Berlusconi ove era previsto Tajani come Presidente del Consiglio. Quel Tria non mi piace...e se non fanno mini bot + ccf tutto cio che hanno promesso non lo potranno fare.

    E' calato un silenzio di tomba sulla facenda...prima delle elezioni Siri , Borghi etc etc parlavano solo di quello. Ma non è che quelcuno ha imposto loro che "la faccenda non s'ha da fare" di lasciar cadere l'argomento….? Quel Tria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Borghi a onor del vero continua a parlarne, quantomeno su Twitter.

      Elimina
    2. Se non fosse per Tria lo spread a quest'ora sarebbe a 800

      Elimina
    3. Implicherebbe l’uscita dell’Italia dall’euro.

      Elimina
  23. 1000 miliardi almeno di risparmi fermi come fare per inserirli nel circuito economico ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incrementare i REDDITI con più spesa pubblica, più trasferimenti e meno tasse. Se i redditi sono depressi, anche il risparmio pregresso non viene speso ne’ in consumi ne’ in investimenti, perché l’insicurezza spinge a tesaurizzare.

      Elimina
  24. Dall'articolo di Stiglitz su uscita Italia da eurozona:
    "Gli avanzamenti tecnologici nel corso degli ultimi tre anni hanno reso molto più semplici ed efficaci i sistemi di creazione di moneta elettronica. Se l’Italia decidesse di usare uno di questi, non dovrebbe nemmeno preoccuparsi delle difficoltà legate alla stampa di nuova moneta cartacea."

    Due domande: In caso di uscita non occorre quindi aspettare 6 mesi per stampare moneta o minibot - ccf ?
    A quanto ammonta in miliardi euro il circolante in Italia? 100 miliardi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non servono sei mesi, no. Tra l’altro i CCF li abbiamo sempre concepiti come emessi solo in forma elettronica. Il cartaceo può venire dopo.

      Non ho sottomano il dato dell’attuale circolante cartaceo in Italia. L’ordine di grandezza di 100 miliardi credo sia giusto - nel senso che non sono 10 e non sono 1.000.

      Elimina
    2. Sul sito di Rover dice che ammonta al 12% del pil circa. Quindi stiamo poco sotto i 200, circa 180 miliardi

      Elimina
  25. Quali erano gli stati preunitari piu' ricchi e' vero che il Regno delle Due Sicilie era piu' ricco del nord e con la sua economia protezionistica fatta di dazi e moneta sovrana aveva successo !? E perche' si sono fatti annettere cosi facilmente dai Savoia ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se era più ricco, ma senz’altro le differenze rispetto al nord erano molto meno accentuate rispetto ad oggi. L’annessione al costituendo regno d’Italia è stata, si legge, fortemente sostenuta dagli inglesi, che volevano uno stato in più di dimensioni simili alla Francia per creare contrappesi a possibili ambizioni neonapoleoniche.

      Elimina
    2. Quindi Cavour e Garibaldi agirono per mano inglese? Non ci furono accordi anche con Napoleone terzo ?

      Elimina
    3. Quindi e' vero che gl'inglesi ci hanno "aiutato" a unire l'Italia ma spero che la fondazione della nostra nazione non sia stato solo un gioco geopolitico anglofrancese sono morte tante persone eppoi tante cose uniscono gl'italiani la lingua la cultura le nostre invenzioni scoperte il nostro essere nazione ce lo meritiamo abbiamo dato tantissimo all'umanita' certo dispiace per le condizioni del sud !!??

      Elimina
    4. Gli accordi con Napoleone III riguardavamo solo il centro nord: espulsione degli austriaci, Lombardo Veneto al nascente regno d’Italia, in cambio di Nizza e Savoia.

      Elimina
    5. Nel 1850 circa il Regno delle Due Sicilie vince premio come terzo paese piu' industrializzato al mondo dopo Inghilterra e Francia. E' possibile ??

      Elimina
    6. C'e' da dire che molti paesi che nel 1800 stavano bene come l'Argentina e in generale il SudAmerica adesso non stanno benissimo. Quindi non e' detto che il Sud se non fosse stato annesso dai Savoia oggi starebbe bene. O sbaglio ???

      Elimina
    7. Naturalmente la prova contraria è impossibile. Comunque il caso del Sud Italia rispetto al Sud America è diverso perché si è trattata di un’annessione, quindi di politiche economiche imposte dall’esterno. Non so se il Regno delle Due Sicilie fosse addirittura il terzo paese più industrializzato al mondo, non credo, ma che si sia allargata la divaricazione con il Nord è un fatto.

      Elimina
    8. Expo 1856 Regno delle Due Sicilie vince terzo premio come paese piu' industrializzato al mondo !!! Ma il sud oggi avrebbe bisogno di una sua moneta diversa da quella del nord per riprendersi !!??

      Elimina
    9. Oppure di utilizzare i CCF come descritto al post del 31.5.2013...

      Elimina
    10. Ma i ccf funzionerebbero in egual misura sia al nord che al sud ??

      Elimina
    11. Certamente, e si possono anche applicare in misura differenziata per iniziare a ridurre le differenze tra aree geografiche. Vedi link 31.5.2013, appunto.

      Elimina
    12. In misura differenziata vuol dire distribuire le obbligazioni ad uso posticipato CCF di piu' al Sud ???

      Elimina
    13. Esatto, in particolare per la parte destinata alle aziende.

      Elimina
    14. In questo modo s'incrementa la crescita del sud e si colma la differenza col nord !? Ci vorranno 10 anni ???!!!

      Elimina
    15. Per colmarla completamente anche di più, ma l’essenziale è avviare un processo di convergenza.

      Elimina
    16. Quindi il problema della nostra economia e' la mancanza di liquidita' in mano ai cittadini mancanza di potere d'acquisto !!! Giusto ??? Ma tassare di piu' i ricchi che di potere d'acquisto ne hanno troppo e detassare ceto medio e poveri avrebbe effetti positivi ??!! Ogni aumento di tasse in un comparto economico dovrebbe portare alla detassazione in un altro comparto economico che ne ha piu' bisogno !!??

      Elimina
    17. Riallocare potere d’aquisto può essere utile, ma il punto fondamentale è INCREMENTARLO. Vedi post del 14.10.2016.

      Elimina
    18. Ma i ccf posson esser emessi a piacimento per abbattere le tasse ???

      Elimina
    19. A piacimento no. Nella misura opportuna a immettere nell’economia il potere d’acquisto necessario per assicurare corretti livelli di occupazione.

      Elimina
  26. Se oggi a Berlusconi fossero proposti i CCF e fosse al governo li realizzerebbe ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh. Si era detto favorevole. Ma Berlusconi è imprevedibile: troppi condizionamenti contrastanti...

      Elimina
  27. Ipoteticamente con Italia con Lira e Germania col Marco potenzialmente Italia esporterebbe di piu' !!!???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non é detto.Attualmente la nostra bilancia dei pagamenti é in attivo da 6 anni.Svaluteremmo un po' su marco ma rivaluteremmo su diverse altre monete.E con monete completamente fluttuanti il saldo tende a zero.

      Elimina
    2. È in attivo perché la domanda interna, e quindi anche l’import, è compressa dall’austerità. Uscendo dall’euro svaluteremmo meno contro dollaro che contro le valute del nord Europa (compreso ovviamente l’”euro residuo”) ma non rivaluteremmo nei confronti di nessuna moneta importante.

      Elimina
  28. Piu' della Germania ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In assoluto no perché la Germania è un parse di maggiori dimensioni. Ma recupereremmo tantissimo.

      Elimina
  29. Se si volesse fare gli Stati Uniti d'Europa ma con 28 monete diverse per non distruggere le diverse economie ma un solo esercito e una politica estera comune questo paese sarebbe la prima superpotenza al mondo senza dipendere piu' dall'Impero USA !!! Per lei e' realistico ?? Probabilmente no ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh è più realistico che pensare di fa funzionare la moneta unica con le regole attuali...

      Elimina
    2. Se l Europa fosse unita e dico solo se, sarebbe la prima superpotenza economica al mondo piu' dei sopravvalutati USA, militarmente potrebbe finalmente competere con chiunque sarebbe un paese di grandi dimensioni che potrebbe guidare il mondo futuro con Cina e India ad esempio !!! ???

      Elimina
    3. Certamente. Il problema è che sono paesi diversi per storia, cultura e lingua. E ignorare queste differenze non è possibile (né - a mio modesto avviso - opportuno).

      Elimina