martedì 12 agosto 2014

Mega fondo patrimoniale per ridurre il debito pubblico ? non funziona, ecco perchè


Di tanto intanto si leggono proposte (recentemente, per esempio, da parte di Roberto Poli e di Paolo Savona) imperniate su una grossa azione di dismissione di attivi patrimoniali dello Stato. Questo, al fine di ridurre il debito pubblico e il relativo carico di interessi passivi, che impedisce – si afferma – di rilanciare l’economia con riduzioni di imposte e/o con incrementi di spesa pubblica.

Queste proposte prevedono in genere di creare una grossa holding finanziaria a cui conferire – per esempio – 400 miliardi di attivi, che potrebbero includere, tra le altre cose, partecipazioni azionarie e cespiti immobiliari.

La finalità sarebbe di ridurre il debito del 20% circa (rispetto ai 2.000 e oltre attuali), risparmiando quindi una quota corrispondente di interessi – circa 16 miliardi, nell’esempio, su un totale di 80 miliardi annui.

Ma in realtà, se questi attivi fossero vendibili a condizioni non svilite, che senso ha passare tramite una megaholding ? Tanto vale effettuare direttamente le vendite. Fermo restando che il vantaggio di 16 miliardi annui per il bilancio dello Stato è teorico: con ogni probabilità i beni appetibili, cedibili senza difficoltà, producono rendimenti (per esempio le partecipazioni in ENI ed ENEL pagano ottimi dividendi) per un totale che rischia di essere anche maggiore dei 16 miliardi di interessi risparmiati.

Tutto questo, senza entrare nel merito dell’opportunità di spossessarsi di partecipazioni di interesse strategico per la nazione.

Il mega fondo patrimoniale entra in gioco perché, nella mente di chi lo propone, svolgerebbe una funzione diversa. Si prendono attivi dello Stato che oggi NON rendono 16 miliardi, anzi che non rendono pressoché nulla, e che NON sono vendibili per 400 miliardi. Li si conferiscono alla holding con l’idea che i 400 miliardi saranno realizzabili nell’arco di svariati anni. Invece di vendere gli attivi, si collocano le azioni della holding.

Ma a chi e a che prezzo ? nessuno le pagherebbe 400 miliardi oggi.

Occorre, allora, mettere in atto una conversione forzata di debito pubblico in azioni della holding. Per esempio il titolare di 100.000 euro di BTP se ne vede convertire 20.000.

Queste azioni potrebbero poi essere quotate, ma dati i presupposti il loro valore di mercato sarebbe ben inferiore a 400 miliardi – o a 20.000 euro nel caso del signore sopra citato. Forse si arriverebbe alla metà, ed è già probabilmente una stima ottimistica.

Stiamo parlando, in effetti, di una grossa operazione mascherata (ma neanche tanto) che può essere descritta come una imposta patrimoniale sul debito pubblico, o come una sua ristrutturazione.

Tralasciando le reazioni degli investitori esteri, una buona parte di questo impoverimento graverebbe sui risparmiatori italiani, ed è prevedibile che causerebbe un pesante effetto negativo su consumi e investimenti. Effetto ben superiore al beneficio di 16 miliardi di interessi risparmiati…

La via delle cessioni di patrimonio per ridurre il debito pubblico non porta da nessuna parte. La crisi italiana – la crisi dell’eurosistema in genere – si risolve in tutt’altro modo.

Con una grossa azione di espansione della domanda finanziata da moneta di nuova emissione. Rimettendo al lavoro persone e aziende oggi disoccupate o sottooccupate. Senza impatto sull’inflazione: non c’è inflazione rilevante finché non vengono riassorbiti livelli di disoccupazione massiccia, come gli attuali. E se ci sarà un po’ di incremento, per esempio dall’attuale zero al 2%, è esattamente l’obbiettivo che la BCE sta cercando di conseguire (senza sapere come, peraltro).

Le cessioni di beni possono essere utili, in qualche caso particolare, se un compratore paga particolarmente bene un attivo il cui possesso non riveste significativi interessi strategici per il settore pubblico. O se si dimostra in grado (ma non diamolo per scontato, non mancano gli esempi del contrario…) di gestirlo in modo più efficiente, tenuto conto degli interessi complessivi della comunità nazionale.

Ma riguardo alla soluzione dell’eurocrisi, le cessioni di beni pubblici non sono assolutamente in grado di svolgere una funzione primaria, o comunque rilevante.

9 commenti:

  1. Inserisco il link a un interessante articolo di Giorgio Ruffolo e Stefano Sylos Labini che si muovo nella direzione da lei descritta con ampia articolazione di argomenti. Rimane il dubbio - sostanziale - espresso dagli autorevoli macroeconomisti di come i CCF o l'idea di utilizzare l'emissione di Stato come moneta per il pagamento di beni e servizi non sia troppo eversiva rispetto alla situazione attuale. Ossia non sia una rivoluzione morbida, come suggerisce Lei.
    Ecco il link e aspetto commenti.

    http://sbilanciamoci.info/Sezioni/capitali/Mercati-ridiamo-la-moneta-allo-Stato-25633

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del link ! sono proposte eversive rispetto alla tendenza che attualmente si sta cercando di far passare come una realtà incontrovertibile e immodificabile - che l'indipendenza delle banche centrali dagli stati (quindi da opportune forme di vigilanza e controllo democratico) sia un fatto necessario e naturale. E' vero il contrario...
      Quanto alla denominazione di Riforma Morbida, che devo all'amico Giorgio Schembari, si spiega molto semplicemente: è morbida rispetto al break-up dell'euro... ma sottointende, certo una profondissima svolta di politica economia. Sotto questo profilo è un grande strappo.
      Ma senza uno strappo di questo tipo non c'è soluzione alla crisi...

      Elimina
    2. ma non è vero che le banche centrali sono indipendenti dal potere politico. draghi ha le mani legate dal potere politico tedesco.

      è proprio perché sono sottomessi al potere politico e delle autorità di regolamentazione che è nato il banking shadow.

      e lo stato rimane fregato dalle sue stesse regole...perché il rischio liquidità creato dal BS è tornato sulle spalle proprio dei governi..a dimostrazione di quanto stupidi sono i governi...

      1) le banche guadagnano facendo girare i soldi di tutti...

      2) i governi guadagnano voti impedendo ai soldi di girare usandoli come arma di ricatto per sottomettere i popoli....

      Elimina
    3. Cioè risponde al potere politico di un paese solo su diciotto ? Peggio ancora...

      Elimina
    4. esatto. la colpa è degli stati. è quello più potente, la germania, ha maggiori colpe perché di solito il più potente è colui che deve guidare i più deboli così come in america il new england guidò l'unificazione degli Usa con la forza dei militari e dei dollari e non con l'austerità. ma la germania avendo perso due guerre ha il terrore di occuparsi del sud europa.

      Elimina
  2. è la stessa cosa che fecero quando crollò l'unione sovietica. un terzo allo stato, un terzo agli stranieri e un terzo ai cittadini. ovviamente ai cittadini finirà la merda seppure cartolarizzata.

    RispondiElimina
  3. MA CHI è QUEL PAZZO CHE COMPRA IMMOBILI DI STATO DOVE LO STATO STA IN AFFITTO SENZA PAGARE L'AFFITTO A CHI DOVESSE COMPRARLO E CHE AL CONTEMPO DOVRà PAGARCI LE TASSE????? E SENZA NEANCHE POTER CAMBIARE LA DESTINAZIONE D'USO SE FOSSE SFITTO?






    RispondiElimina
  4. Non giurerei tanto che Draghi abbia le mani legate dal potere politici,a me sembra uno della cricca internazionale di cui fan parte gli eurousurai.E casomai,più che dal potere politico,sarebbe condizionato dalla Buba,uno stato nello stato.
    Quanto al megafondo sono d'accordo con Marco,mica sono fessi gli investitori esteri...comprano quello che rende e a prezzi scontati (eni....),le cviofeche le lasciano a noi.
    Quanto poi alla holding e al meccanismo descritto,è solo l'ennesima truffa ai danni dei peones.

    RispondiElimina
  5. se fa parte della cricca internazionale allora perché la cricca internazionale non riesce a fare in europa ciò che fanno in altre parti del mondo

    guarda che oggi a comandare (indirettamente e senza una elite) non è la cricca di cui dici tu ma il banking shadow dove non esiste una cricca dato che sono milioni di cavallette che si muovono senza bisogno di una cricca.

    anche milioni di pensionati hanno il loro fondo che va in giro sui mercati a radere al suolo un campo come fanno le cavallette.

    RispondiElimina